“LU CARRETTU” di Maria Cristina Adragna

142475

LU CARRETTU

Firrianu r’roti rossi
n’capu all’aridu tirrenu,
smuvuti r’un cavaddu
c’a’ mi pari ornatu a f’festa,
ammatula ci mettinu
u pinnacchiu n’ta la tiesta,
si viri arrassu un migghiu
ch’è patutu p’a stanchizza.

N’na carusitta rizza
sta acchianannu di gran prescia
e carrica u furmentu
pi purtallu a n’natra b’banna,
è sempri d’dù so patri
c’a la noci e la cumanna,
all’arba l’arruspigghia
ogni ghiovir’a m’matina.

C’u’ friddu e cu la b’brina
accumencia n’na jurnata,
p’a via tu po’ n’cucciari
a p’pasculari crapi e muli,
aspetti cu p’pacenza
chi po’ spunta u b’beddu suli ,
ti levi, cant’è g’ghica,
la scialletta ri li spaddi.

Già cantanu li jaddi,
puntuali comu un roggiu,
carriasti i puddicini
n’na lu gran funnu di cascia,
passau n’na vicchiaredda
accruccatedda e vascia vascia,
pi c’carita cristiana
t’a purtasti cu’ carrettu.

Quant’era duci u lettu!
Ma s’ava a travagghiari,
susuta di li quattru
ti la passi a barigghiari,
p’un viriri lu tempu
t’accumpagna un tammurinu,
stu sonu ammazzunia
tutti i corruli e i dulura.

Miliuna di culura
su p’pittati n’na u carrettu,
c’è puru Gesù Cristu
chi s’supporta la so’ cruci,
c’u sapi s’a me’ terra
po’ b’bintiari
un poch’i luci,
o è sempri cunnanata
com’u cavadduzzu manzu…

TRADUZIONE

IL CARRETTO

Girano le grosse ruote sull’arido terreno, mosse da un cavallo che mi sembra ornato a festa, è inutile che gli mettano il pennacchio sulla  testa, si vede lontano un miglio che è stremato a causa della stanchezza. Una ragazzina riccia sta salendo con gran fretta e carica il frumento per portarlo da un’altra parte, è sempre suo padre che la disturba e che la comanda, la sveglia all’alba ogni giovedì mattina. Col freddo e con la brina comincia la giornata, per strada puoi incontrare capre e muli al pascolo, aspetti con pazienza che spunti il bel sole, togli all’improvviso lo scialle dalle spalle. Già cantano i galli, puntuali come un orologio, hai posto i pulcini sul piano di carico, è passata una vecchietta curva e bassa bassa, per carità cristiana l’hai portata via sul carretto. Quant’era dolce il letto! Ma si deve lavorare, alzata dalle quattro seguiti a sbadigliare, per ingannare il tempo ti accompagna un tamburello, questa musica uccide tutti i dispiaceri e i dolori. Milioni di colori sono dipinti sul carretto, c’è pure Gesù Cristo che sopporta la sua croce, chissà se la mia terra potrà scorgere un po’ di luce o se è condannata come il mite cavallino…

       Maria Cristina Adragna 

“M’ pizzu a la me terra” di Maria Cristina Adragna

Previous article“a tu per tu con…” Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli
Next articleLa bellezza dell’amore
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

3 COMMENTS

  1. Da un po’ di tempo a questa parte leggo con interesse le sue poesie in lingua siciliana. Apprezzo moltissimo perché danno un tocco di originalità ed è una cosa che fa solo lei. Sono musicali,scritte molto bene e mi riportano indietro col tempo,alle tradizioni di quando ero bambino. Complimenti. Lei è sempre bravissima,qualsiasi cosa scriva.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here