“Dunn’è c’à sintisti?” di Maria Cristina Adragna

142849

DUNN’È C’À SINTISTI?

Dunn’è c’à sintisti
chi fazzu nuttati
pi b’beniri sempri
pagghir’a to’ casa?

Di sira un m’mi firu
a passiari c’u scuru,
si arma un curtigghiu
darreri a li spaddi.

Me figghia si curca
abbrazzata a s’so’ patri
e g’ghie’ unni la lassu
un mumentu pi c’curtu
e quannu lu suli
ci vasa li cigghia,
m’attrova chi b’bigghiu
cu l’locchi cuntenti.

Dunn’è c’à sintisti
chi m’moru pi t’tia?
Sarà n’na misata
chi sacciu c’asisti,
pinsassiru a tutti
l’affanni chi hannu
a u postu di riri
socche’ c’à nun sannu.

Gnuranti e vastasi,
chi granni pinseri!
A ura i sti cosi
la vogghia ci veni,
vurrissiru ittari
un patr’i famigghia
n’ta fossa ri lingui,
cu stu parapigghia.

Ri notti nun n’nesciu,
è b’beru, lu g’giuru,
ma cu la me testa
scavarcu lu muru
e sulu u Signuri
lu sapi chi p’provu
quann’è c’à n’ta u lettu
ti cercu e un t’attrovu.

E iddi dicianu chi stassi murennu?
Je’ avi chi m’morsi
ri quannu ti vitti,
e po’ n’tisi chiddu
chi m’mai avia n’tisu,
cunfusu, anniavi
n’ta d’du Paraddisu…

Traduzione 

DOVE HAI SENTITO?

Dove hai sentito che faccio le ore piccole per venire sempre nei pressi di casa tua? Di sera non sono capace di passeggiare con il buio, si crea un cortile dietro le spalle. Mia figlia si addormenta abbracciata a suo padre ed io non la lascio nemmeno per un momento, e quando il sole bacia le sue ciglia mi trova a vegliare con gli occhi contenti. Dove hai sentito che muoio per te? E’ da un mese che so della tua esistenza, pensassero a tutti gli affanni che hanno invece di dire quello che non sanno. Ignoranti e maleducati, che grandi pensieri! Quando si tratta di queste cose viene loro la voglia, vorrebbero gettare un padre di famiglia nella fossa delle lingue, con questo parapiglia . Di notte non esco, è vero, lo giuro, ma con la mia testa scavalco il muro e solo il Signore sa cosa provo quando ti cerco nel letto e non ti trovo. E loro dicevano che starei per morire? Io sono gia’ morto quando t’ho vista, e poi ho sentito quello che mai avevo sentito, confuso, sono annegato in quel Paradiso.

                 Maria Cristina Adragna 

“LU CARRETTU” di Maria Cristina Adragna

Previous articleIl Poeta
Next articleLe note della vita
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here