La Grande Bellezza: dialogo con lo studioso di Estetica, Raffaele Gaetano

142896

CHE COS’È LA BELLEZZA

Ne parliamo con lo studioso di Estetica, Raffaele Gaetano

Colto e raffinato studioso del pensiero leopardiano cui ha dedicato numerose opere tra cui “Giacomo Leopardi e il sublime” (Rubbettino), considerato dalla critica una pietra miliare sull’argomento, Raffaele Gaetano ha via via concentrato la sua intensa attività di ricerca su autori, temi, questioni teoriche dell’Estetica del paesaggio tra ’700 e ’800, ambito di cui è uno degli studiosi più apprezzati.

Lo abbiamo intervistato su un tema molto attuale come quello della bellezza, sul quale le opinioni sono contrastanti e su cui spesso si equivoca.

Professore Gaetano, come definisce la bellezza?
Parliamo di bellezza quando godiamo qualcosa per quello che è, indipendentemente dal fatto che lo possediamo.

Qual è il rapporto tra bellezza e arte?
Bellezza e arte non sono concetti coincidenti. Nell’antichità e in molti periodi storici era considerata bellezza soprattutto quella della natura, mentre l’arte aveva soltanto il compito di fare bene le cose che faceva, in modo che servissero allo scopo cui erano destinate.

E quindi?
Si considerava arte sia quella del pittore e dello scultore sia quella del costruttore di barche, del falegname o del barbiere.

Poi com’è finita?
Soltanto più tardi, per distinguere pittura, scultura e architettura da quello che oggi chiameremmo artigianato, si è elaborata la nozione di Belle Arti.

Oggi com’è la situazione?
Certe teorie estetiche moderne hanno riconosciuto solo la bellezza dell’arte, sottovalutando la bellezza della natura. Insomma la bellezza ha diversi volti ed è giusto che ognuno prenda a esaminarli.

La bellezza salverà il mondo?
Non so se la bellezza salverà il mondo, anche perché non sa di essere bello o brutto, che rimangono categorie appannaggio di ognuno di noi. Salveremo il mondo se faremo un percorso comune di riconoscimento di ciò che ci procura piacere estetico in modo disinteressato, come peraltro aveva intuito lo stesso Immanuel Kant.

Si ringrazia l’artista Massimo Maselli per il materiale fotografico.

Piera Messinese

Il giovedì grasso

Previous article“Speranze che sperai, sorrisi e pianti miei”
Next articleDomani è San Valentino… di Maurizio Gimigliano
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here