Eva Gonzales (parte prima)

157247

Eva Gonzales

“Risveglio del mattino”

Olio su tela cm 82×100

Kunsthalle di Brema, Germania.

Nata a Parigi nel 1849 in una famiglia abbiente (il padre scrittore, la madre musicista), Eva Gonzales è considerata una delle pittrici francesi impressioniste più importanti dell’800, ma in un periodo dove per le donne, come dicevo nell’articolo precedente, la professione di pittrice era bistrattata.

La sua formazione artistica ebbe inizio nel 1865, sotto la guida di Charles Chaplin, da non confondere con il grande attore, un ritrattista che teneva dei corsi di disegno e pittura.

Eva Gonzales, abituata a vivere in una società colta e raffinata e dotata di un talento straordinario, fin da piccola respirò il profumo dell’arte. La sua casa era infatti frequentata da critici e intellettuali.

Nel 1869, venne accolta come allieva nello studio parigino di Edouard Manet.

Dalla bellezza languida, i lunghi capelli neri e la pelle chiarissima, Eva Gonzales riuscì a catturare l’attenzione di Manet, diventando la sua “musa” in molti dipinti.

Eva seguendo gli insegnamenti del pittore, nel corso degli anni divento’ un’apprezzata artista nell’ambiente parigino, tanto da arrivare a esporre nel 1870 al Salón de París.

Nel 1879 Eva Gonzalès, dopo un breve fidanzamento, sì uni’ in matrimonio con Henri Guérard, un incisore amico del pittore francese.

Il giorno del funerale di Manet, morto all’età di 51 anni a causa di un’atassia locomotoria, Eva era disperata.

Non si sa se venne colta da qualche funesto presagio, ma solo qualche giorno dopo lo raggiunse.

Eva, morì, infatti, prematuramente ed inaspettatamente, nel 1883, a soli 34 anni, per un’embolia causata da un parto.

“RISVEGLIO DEL MATTINO”

Per questo dipinto Eva Gonzalès utilizza sua sorella Jeanne come modella.

La giovane donna è distesa sul suo letto a baldacchino mentre apre pigramente gli occhi dopo aver dormito.

I raggi del sole mattutino penetrano nella stanza facendo risaltare il candore bianco delle lenzuola e della camicia da notte della ragazza.

L’atmosfera, di una calda intimità, è resa attraverso il vivace tocco di viola del vaso di fiori, posto sul comodino sopra un libro.

CONCLUDENDO:

Le opere di Eva Gonzales si caratterizzano per le tinte limpide e morbide del pastello,
conservando un fascino d’altri tempi.

Curiosità: la Gonzales dipinse molti aspetti che riguardavano il mondo femminile, soprattutto in ambito mattiniero.

Bruno Vergani (clicca sul mio nome per leggere i miei articoli)…

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here