Un film per Natale: Il diario di Bridget Jones

125733

Di Sharon McGuire con Renee Zellweger, Colin Firth, Hugh Grant . 2001

Classico anzi classicissimo del Natale non sdolcinato ma irresistibilmente malinconico è il cult con Renee Zellweger che narra le vicende sentimentali dell’adorabile Bridget Jones.

Trentenne single non per scelta( o almeno non completamente) Bridget racconta sul suo diario del lavoro,  dei suoi tre amici del cuore e dei suoi disastrosi tentativo di :

1 perdere peso 

2 trovare un fidanzato prima di morire sola ed essere sbranata da cani alsaziani

3 affermarsi professionalmente.

4 evitare di trasformarsi in Glenn Close di Attrazione fatale 

Nella sua vita entrano due uomini diversi l’uno dall’altro: Mark Darcy,  avvocato posato e riservato, apparentemente freddo e cinico,  nonché amico di famiglia e di infanzia per Bridget, e  Daniel,  donnaiolo ironico e affascinante, capo di Bridget,  ma compagno del tutto inaffidabile.

Due poli opposti,  due anime lontanissime ma verso le quali Bridget si sentirà attratta per ragioni diverse.

Quasi sempre sola e afflitta da uno stato di insicurezza mista ad insolito e improvviso egocentrismo, Bridget si renderà spesso protagonista di imbarazzanti situazioni al limite del paradossale mostrandosi però sempre vera e coerente con quelli che sono i suoi sogni e le sue aspirazioni: Amore,  stabilità,  matrimonio,  figli.

Questo spiega il grande successo ottenuto dal libro prima e dalla serie di film centrati su di lei poi ( tre in totale ) che la vedono compiere un viaggio che si conclude naturalmente con un finale positivo.

Gli uomini sono importanti nella storia di Bridget ma non sono il tema centrale. 

Il focus è la femminilità, che non è mostrata mai in modo ovvio ( cultissimi i mutandoni di Bridget) , l’indipendenza emotiva ,  il desiderio di maternità insito nella donna e soprattutto l’autostima .

Anche la famiglia e l’importanza degli amici sono visti come elementi fondamentali,  supporti ad un Io che fatica a volte a rialzarsi senza il sostegno di chi ci vuol bene davvero.

Nonostante Bridget abbia un rapporto conflittuale con i suoi genitori,  alla fine cerca di farli tornare insieme perché crede fermamente nella famiglia e ha bisogno di sapere di poterci contare.

E poi, Sebbene le feste a casa della madre siano momenti per lei terribili da  sopportare, è proprio durante una di queste feste che rivede Mark dopo tanto tempo.

Il suo maglione non è certo dei più alla moda ma la fa sentire subito a casa e meno sfigata del solito.

Il cammino non è semplice ma alla fine Bridget ce la farà?

Troverà il suo principe che la ama così com’è?

Sicuramente facciamo tutti il tifo per lei.

Un film per Natale: Il piccolo principe

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here