EMERGENZE SONORE…

Puoi leggere qui la seconda parte:

Cosa c’entra Pitagora con i Genesis ?

Per chi ne ha la curiosità, da oggi e per i prossimi giorni, vi porto a fare un viaggio incredibile in tre tappe in una delle Suite più conosciute e meglio riuscite della musica Rock… Supper’s Ready.

Supper’s Ready – Album Foxtrot
Pubblicazione 1972 – Genesis

Composta da: Peter Gabriel, Tony Banks, Steve Hackett, Mike Rutherford, Phil Collins

Dei 24 minuti e mezzo del lato B di Foxtrot, 23 sono occupati da Supper’s Ready… iniziamo il viaggio.

L’unica suite della storia dei Genesis nasce da un’esperienza fuori dal comune di Peter Gabriel in un banale salotto di casa che musicalmente parlando, è un’enorme e fittissima foresta.

Per oltrepassarla sai che puoi trovarci di tutto: uno o più mondi, strani personaggi, trappole e trabocchetti, ogni altro tipo di incantesimo.

Occorrono poco più di 23 minuti per uscirne e sono minuti intensi e difficili…

Devi vedertela con metafore, bizzarri giochi di parole e scioglilingua di questo pezzo dai molti e davvero insospettabili significati.

Con questa canzone i Genesis vanno oltre la profondità di pensiero a cui ci hanno abituati, regalando il non meglio del loro modo di cantare e suonare temi religiosi e mitologici (a loro carissimi) per parlare dell’uomo.

Chi conosce la musica dal punto di vista tecnico potrà dirlo apertamente: una canzone così complessa da parte di ragazzi poco più che ventenni è una cosa molto impressionante.

L’opera è divisa in sette atti (un numero molto importante in questa canzone) e qui vi racconto le prime 3 parti, fino al momento 9,42 minuti del pezzo.

1 Lover’s Leap: il balzo, il cambiamento degli amanti.

Parla di un ragazzo e una ragazza che, da un semplice salotto, si ritrovano in altri corpi e in un’altra dimensione.

Iniziano un viaggio in altri universi bislacchi e inconsueti, per ritornare quando il mondo è alla sua ultima pagina e sta scrivendo la parola “fine”.

Il pezzo nasce da un’esperienza ai limiti del paranormale che accadde a Peter Gabriel, sua moglie Jill e il produttore della Charisma, John Anthony, un po’ di tempo prima.

Gabriel e la moglie Jill diranno di essersi guardati in faccia in quel momento, e di aver visto altre persone al posto dei loro volti. Come i due innamorati di Supper’s Ready si vedono in altri soggetti.

Questo è il pensiero alla base del brano… la lotta tra bene e male.
Si pensa che Gabriel, con Lover’s Leap, abbia immaginato una reincarnazione ritornando indietro nel tempo.

2 The Guaranteed Eternal Sanctuary Man (3:48 – 5:43)

A questo punto i due innamorati vanno in una città con un agricoltore e un capo religioso, il sedicente “Guaranteed Eternal Sanctuary Man”.

Così ama farsi chiamare.

Lo scontro tra il bene e il male pensato da Gabriel si vede proprio qui, per la prima volta.

Il santone dice di conoscere una tecnica segreta per combattere il fuoco, visto come il male perché brucia e distrugge.

Il bene è l’agricoltore, che fa nascere vita dalla terra ed è la forza che si oppone al fuoco.

Dalle parole capiamo che il religioso è un falso profeta della pace, un bugiardo che predica miracoli e cose impossibili, come un nuovo modo di combattere il fuoco, in un mondo dove nessuno può garantire nulla.

Chi può essere sviato e manipolato sono i bambini che “mano nella mano, glande nel glande (strane immagini)” sono portati a credere a ogni bugia.

3 Ikhnaton And Itsacon And Their Band Of Merry Men (5:44 – 9:42)

I due ragazzi arrivano nel campo di un’imminente battaglia.

I cavalieri dalla pelle scura sono quasi sicuramente guerrieri del faraone Ikhnaton… Supper’s Ready fa riferimento alla lotta tra due culti, come se fosse la lotta tra due divinità egizie: Amon e Aten.

Nella storia, il culto di Aten cercò di unificare con la forza tutte le religioni d’Egitto sotto il proprio controllo… e Gabriel ci vuole dire che unificare le religioni è solo una fregatura, un imbroglio di chi vuole far credere che una religione sia superiore a un’altra…

A domani by Antonio Donatello (clicca sul mio nome)

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui