“La leggenda di scirocco e di Marina”

143123

LA LIGGENNA DI SCIROCCU E DI MARINA

Vi lat’addumannatu
lu picchì, quannu c’è arsura,
lu mari tira addintra
cu gran forza e cu primura?

S’aviti la pacenza
ri taliari sti du’ righi,
vi cuntu un fattareddu
chi aggruvigghia li viddichi.

Un sacciu lu motivu,
né lu quannu, né p’pi soccu,
sbarcau un tunnisinu
chi pi n’nomu avia ” Sciroccu”,
e iddu si inoltrau
n’ta i casuzzi di Palermu,
p’un beddu pizzuddicchiu
n’a sti zoni stesi fermu.

N’na matinata estiva,
amentri chi passiava,
vintiau a n’na picciuttedda
chi curiusa lu taliava
e subitu capiu,
virennu a stu gran ciuri,
chi di la so’ esistenza
idda era u’ veru amuri.

Sta carusitta duci
Marina si chiamava,
chiu’ iddu ci riria
chiossà si innamurava,
siccomu la carusa
era veru troppu bedda
so’ patri, gran gilusu,
l’avia a f’fari munachedda.

Marina unn’accettava
sta vigliacca imposizioni,
passava cu Sciroccu
li nuttati di passioni,
e quannu d’du so patri
sappi chiddu chi ci fu,
decisi all’improvvisu
di scannari a tutti ru’.

Sciroccu di gran prescia,
essennu nu sciamanu,
pigghiau ra’ sacchitedda
lu so vecchiu talismanu,
p’un moriri ammazzatu
assemi a idda, a l’lentu a l’lentu,
la stracancia’ in un’onda,
e iddu si fici ventu.

Ri tannu cerca sempri
a lu so amuri m’menzu a u mari,
li ondi sunnu troppi,
unni la po’ attruvari,
ma un s’arrinnutu mai
e tira, tira, tira
spirannu d’incuccialla
all’ummira da’ sira.

di Maria Cristina Adragna

Traduzione

La leggenda di Scirocco e Marina.

Vi siete mai chiesti perché, quando c’è caldo, il mare tira verso l’interno con gran forza e con premura?

Se avete la pazienza di guardare queste due righe vi narro un raccontino che “aggroviglia gli ombelichi“.

Non so il motivo, ne’ il quando, né per cosa, sbarcò un tunisino che come nome aveva Scirocco e lui si inoltrò presso le case di Palermo, per un bel pezzo di tempo in queste zone stette fermo.

Una mattina estiva, mentre passeggiava, vide una ragazza che curiosa lo guardava e subito capì, vedendo questo gran fiore, che della sua esistenza lei era il vero amore.

Questa dolce ragazza si chiamava Marina, più lui le sorrideva più lei si innamorava, siccome la ragazza era davvero molto bella suo padre, grande geloso, voleva che diventasse una suora.

Marina non accettava questa vigliacca imposizione, trascorreva con scirocco le notti di passione, e quando suo padre seppe quello che ci fu decise all’ improvviso di uccidere entrambi.

Scirocco, di gran fretta, essendo uno sciamano, prese dalla tasca il suo vecchio talismano, per non morire lentamente ucciso insieme con lei, la trasformò in un’onda e lui si fece vento.

Da allora cerca sempre il suo amore in mezzo al mare, le onde sono tante, non riesce a ritrovarla, ma non si e’ mai arreso e tira, tira, tira, sperando di incontrarla all’ombra della sera.

Clicca sul link per leggere il mio articolo precedente :

“Era già tutto previsto”

Previous article“Difendere la democrazia” di Francesco Viscelli
Next article“Fiamma nel fuoco” di Maurizio Gimigliano
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here