“La barunissa di Carini” di Maria Cristina Adragna

141936

  “LA BARUNISSA DI CARINI” 

Vecchi e picciotti,
omini ricchi,
boni e maligni,
grapiti l’aricchi!
Chista è n’na storia
chi s’sapi d’anticu,
m’at’attintari..
Vegnu e b’bi ricu.

C’era n’na vota,
in terra assulata,
n’na picciridda
ca era b’biliata,
e lu motivo?
Ora v’u cuntu!
La cumannava
un pà senza puntu!

Sta puviredda,
a quattordic’anni,
già suppurtava
traggeri di ranni,
picchì d’du so patri
chi c’cori unn’avia,
ci retti un maritu
ca idda un vulia!

“Povira figghia,
arma n’nuzzenti,
fatti curaggiu,
strinci li renti,
chi cu l’aiutu
di nostru Signuri
macari, acchi g’ghiornu,
t’arriva l’amuri!”

Chiddu c’ancora
un sapiti di chissa
è u fattu ca era
na gran barunissa,
ma tanta biddizza,
fama e nobiltà
un dunanu a nuddu
la felicità.

E quannu na fimmina
unn’havi risettu
va c’cerca l’amuri
n’ta n’navutru lettu,
perciò a barunissa,
vi cuntu e vi ricu,
si tinni assà strittu
a lu so Ludovicu.

Parissi a stu puntu,
ma un semu sicuri,
chi f’forsi so patri,
p’un fattu d’unuri,
pigghiatu r’un corpu
di ira accecanti
scannau a só figghia
cu tuttu l’amanti!

Ma chissu un si sapi
s’è favusu o è b’beru,
stu fattu arresta
un granni misteru,
eppuru c’è genti
c’ancora spergiura
c’a u vecchiu casteddu
ci parranu i mura.

Si sentinu vuci,
si movi acchi cosa,
macari è u fantasma
chi un s’arriposa,
picchì vulissi grirari
cu sincerità
qual è finarmenti
la gran virità.

Mai nuddu ha turnatu
di l’avutru munnu,
né prestu né tardu,
mancu un sicunnu…
La bedda Carini,
tra lacrimi e fangu,
ammuccia na storia
tacchiata ri sangu!

 

TRADUZIONE

Vecchi e giovani, uomini ricchi, buoni e cattivi, aprite le orecchie! Questa è una storia intrisa d’antico, dovete ascoltarmi! Arrivo e vi racconto. C’era una volta, in una terra piena di sole, una bambina che era avvilita, e la ragione? Adesso vi narro! Comandava sulle sue scelte un padre scellerato. Questa poveretta, a quattordici anni, già sopportava delle tragedie che caratterizzano il mondo degli adulti, perché suo padre che non aveva cuore le impose un marito che lei non desiderava. “Povera figlia, anima innocente, fatti coraggio, stringi i denti, che con l’aiuto di nostro Signore magari, un giorno o l’altro, arriverà l’amore!” Quello che ancora non sapete di questa fanciulla è il fatto che era una gran baronessa, ma cotanta bellezza, fama e nobiltà non regalano a nessuno la felicità. E quando una donna non trova pace, va cercando l’amore in un altro letto, così la baronessa, vi narro e vi dico, si tenne molto stretto il suo Ludovico. Sembrerebbe a tal punto, ma non siamo sicuri, che forse suo padre, per una questione di onore, sorpreso da un attimo di ira accecante uccise la figlia insieme con l’amante. Ma non si sa se tutto ciò sia falso o se sia vero, questo fatto rimane un grande mistero, eppure c’è gente che ancora spergiura che al vecchio castello parlino i muri. Si odono delle voci, c’è qualcosa che si agita, magari è il fantasma che non si riposa, perché vorrebbe urlare con sincerità qual è finalmente la gran verità. Mai nessuno ha fatto ritorno dall’aldilà, né presto né tardi, nemmeno per un secondo… La bella Carini, tra lacrime e fango, cela una storia macchiata di sangue!

                     Maria Cristina Adragna

Anastasia Pokreshchuk: al di là dell’estetica

Previous articlePiccola…ma grande
Next article“Dall’altra parte” di Maurizio Gimigliano
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here