I fichi della discordia

124761

I fichi della discordia

Non solo «il pomo» di mitologico ricordo ellenico o «le arance» di fiabesca tradizione calabrese, sui cui mi soffermerò, magari, in un altro momento, ma pure i fichi sembrano essere “piantagrane”, e questa non è «una figata», passatemi il termine!

Partiamo da lontano: Marco Porcio Catone, celebre per la frase «Delenda Carthago», mostrò, appunto, un fico freschissimo dicendo: «Questo viene da Cartagine: da come è fresco, potete rendervi conto di quanto sia vicina la nostra nemica». «E che fu», avremmo detto noi!

Dal Paganesimo al Cristianesimo la storia non cambia, benché, in questo caso, siamo solo sul piano della leggenda e come tale trattiamola, giusto per puntualizzarlo.

La notizia perviene da Corigliano Cabro:

«Circa trecento volontari d’ogni età lavorarono alla costruzione dell’eremo e San Francesco di Paola dava loro da mangiare facendo diventare assai il poco che riusciva a racimolare. Un giorno egli aveva solo un pugno di fichi e, come se ne avesse avuto chissà quanti sacchi, ne diede due ad ogni lavorante, mentre a un suo devotissimo terziario, ne mise in mano tre, raccomandandogli, però, di conservarli sempre integri e uniti, ma alla sua morte un discendente ne diede uno a un frate minimo: quella notte stessa un violento incendio gli divorò la casa e nei giorni successivi egli vide perire tutto il suo bestiame per i malanni più misteriosi, sì che si ridusse in pezzentìa. Ma non finì qui: il fico incautamente regalato al frate minimo passò di mano in mano con puntuale scansione di tragedie e disgrazie, finché arrivò in possesso dei nobili Solazzi Castriota, che in poco tempo s’estinsero; i loro beni, fico compreso, furono ereditati dalla duchessa di Bovino, la quale, per speculazioni sbagliate e per le mani bucate, andò incontro a un clamoroso fallimento e si trasferì altrove. Da quel momento il letale frutto sparì dalla circolazione e non se ne seppe più nulla e, probabilmente, qualcuno se l’era mangiato a scanso d’ulteriori disgrazie»

(G. Palange, Guida alla Calabria misteriosa, Soveria Mannelli 2010, pag. 126).

Che dire, infine, di Lucia dei Promessi Sposi, la cui dimora era posta all’ombra di un albero di fichi!? «Ccamu patutu…»: da me non manca mai a tavola, persino la marmellata, che è «una fine del mondo»!

Mi nutro di storie, ma non sono scaramantico: la gola non mi congestiona la mente, fortunatamente!

P.S.: il fico detto Romulare, citato da Livio, si dice fosse situato nel punto in cui Romolo e Remo furono ritrovati dalla lupa. Anche per questa memoria ne faccio una bella scorpacciata!

Francesco Polopoli

“Picasso è un insetto” di Francesco Polopoli

 

Previous articleIl tunnel e quella nostra ricerca di senso
Next articleQui e ora
Sono laureato in Lettere classiche, docente di lingua e letteratura latina e greca presso il Liceo Classico di Lamezia Terme (CZ), membro del Centro Internazionale di Studi Gioachimiti. Divulgo saggi a tema come, a solo titolo di esempio, Echi lucreziani e gioachimiti nella Primavera di Botticelli, SGF 2017, ... Ho partecipato a convegni di italianistica, in qualità di relatore, sia in Europa (es. Budapest) che in Italia (es. Cattolica di Milano). Attualmente risiedo a Lamezia Terme e da saggista amo prendermi cura dell’antico come futuro sempre possibile di buona memoria. Il mio parere sul blog? Un vascello post-catulliano ove ritrovarsi da curiosi internauti: al timone del vascello ci stanno gli autori, passeggeri sono i tanti lettori a prova di click…

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here