Gustave Caillebotte

205306

Gustave Caillebotte

Laureatosi in legge prima di intraprendere la carriera artistica, Caillebotte diventa in breve tempo uno dei maggiori esponenti dell’impressionismo.

Il suo repertorio comprende, oltre un’intera gamma di ritratti e nature morte, anche le grandi piazze, i vivaci boulevard della Parigi moderna e i paesaggi naturalistici.

L’interesse di Caillebotte per i paesaggi naturalistici emergono soprattutto negli ottanta e novanta dopo il trasferimento dalla capitale a Petit Gennevilliers, una cittadina sulle rive della Senna di fronte ad Argenteuil.

“LA SENNA AD ARGENTEUIL”

Anche se in questo dipinto non compaiono né battellieri ne velisti occasionali, uno dei motivi che avevano spinto il pittore a trasferirsi nella zona ad Argenteuil era la sua passione per la nautica perché amava sia remare, sia veleggiare.

Per dipingere la Senna, Caillebotte posiziona il cavalletto “in plein air” e in un luogo da cui intravvede la vista del fiume con la cittadina di Argenteuil dall’altra parte.

L’attenzione dell’artista quindi è rivolta sulla riva opposta e alle ciminiere della fabbrica che interrompono la linea dell’orizzonte.

Nel dipinto Caillebotte concentra anche la composizione sulle forme della sponda del fiume in primo piano e sulla riva fittamente ricoperta di boschi nella parte sinistra.

Da notare infine la brezza che sferza il quieto corso del fiume, increspandolo di morbide onde.

CONCLUDENDO:

Caillebotte non si è limitato alla pittura. Fu anche mecenate e organizzatore di diverse esposizioni impressioniste.

Inoltre acquistò anche le tele dei suoi amici meno fortunati per venir loro incontro. Donerà 67 dipinti e pastelli di Monet, Renoir, Degas, Pissarro, Manet e Sisley allo Stato francese.

Bruno Vergani

In copertina:

“La Senna ad Argenteuil”

Olio su tela 54 x 65 cm

Collezione Clark

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here