Clicca il link qui sotto per leggere la prima parte:

Giovanni Segantini (parte prima)

GIOVANNI SEGANTINI (parte seconda)
“Le due madri”
Olio su tela 157×280 cm
Galleria d’Arte Moderna Milano

Quando guardiamo le opere di Segantini, immerse tra atmosfere intense e calme, ci appare un uomo che guarda la natura affascinato dalla sua potenza.

L’artista, considerato il maggiore pittore divisionista italiano, riuscì in pochi anni (morì giovane, a soli 41 anni) a cogliere la spiritualità di una natura, percepita come metafora e simbolo.

Uno dei temi più cari di Segantini è senza dubbio quello della ” maternità”.

La figura della madre col bambino ricorre in diverse sue opere.

Dipinti in cui “divisionismo”, “ambiente pastorale” e “soggetto materno” si incontrano.

“LE DUE MADRI”

Una giovane madre si trova all’interno di una stalla con in braccio il suo bambino.

È seduta sopra uno sgabello da mungitura.

Avvolte in un abbraccio di luce proveniente dalla lanterna centrale, due madri (una donna e una vacca) si raccolgono intorno ai rispettivi figli dormienti.

L’unica fonte di luce, inoltre, crea un gioco di ombre “caravaggesche”.

La donna è vestita con un semplice abito lungo che arriva fino ai piedi coperti da poveri zoccoli.

Il capo è avvolto da un fazzoletto chiaro annodato.

Il suo viso è chinato in basso, gli occhi chiusi e sembra dormire serenamente.

Tra le sue braccia riposa il neonato.

Il piccolo dorme sulle ginocchia materne.

È avvolto da un panno che ricopre interamente il suo corpo.

Il piccolo braccio sinistro scivola in basso lungo la gamba della madre.

A sinistra, invece, una vacca si ciba da una mangiatoia.

A terra, il suo vitello riposa tranquillamente mimetizzato tra la paglia.

Al centro dell’immagine, una lampada schermata da un foglio, illumina debolmente la scena.

La luce mette in evidenza il piccolo che dorme tra le braccia della madre.

I muri della stanza sono scuri e il pavimento nella stalla è ricoperto di paglia.

La madre bovina sembra non curarsi del vitello.

Allo stesso modo la giovane donna è abbandonata al sonno come il figlio.

CONCLUDENDO:

Nel dipinto “Le due madri” di Giovanni Segantini, la maternità della donna e quella dell’animale vengono interpretate sullo stesso piano.

L’artista in questa scena compie una riflessione profondamente spirituale: la maternita umana e quella animale sono il sentimento di un amore universale.

“L’arte è amore, rivestito di bellezza.”
Giovanni Segantini

Bruno Vergani

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui