Si apre con la proiezione di Soul l’edizione 2020 della Festa del Cinema di Roma. Il Festival avrà luogo dal 15 al 25 ottobre all’Auditorium Parco della Musica e in alcuni luoghi della capitale. Un’edizione insolita ma che non vuole rinunciare alla sala, al pubblico e agli ospiti. Saranno 24 i film e documentari nella Selezione ufficiale, 6 gli eventi speciali, 24 i paesi partecipanti tra cui Belgio, Stati Uniti e Corea del Sud.

Il nuovo Film Disney Pixar ha segnato il debutto di  un’edizione del Festival storica, a misura di Covid-19, con tanta prudenza, assenza di red carpet e la proiezione di alcune pellicole in sale cinematografiche adibite a streaming on line.

Pete Docter, il regista della pellicola, è il primo premio alla carriera della quindicesima edizione della kermesse cinematografica.

Il regista è intervenuto in collegamento via Skype dagli Stati Uniti: «Vorremmo essere lì di persona, ma sono tempi di pandemia, purtroppo. Essere inclusi in un festival però fa capire l’ambizione che ci motiva. Non sono solo film per bambini questi, perché l’animazione comunica attraverso la matita le stesse emozioni che i film canonici fanno con la penna, in scrittura, e successivamente con la macchina da presa. Con Soul volevamo qualcosa di leggero, trattando al contempo argomenti profondi, come il significato della vita, la gioia delle piccole cose, e quello che rappresenta per ognuno di noi la scintilla che ci anima».

Lo stesso sceneggiatore del Film, Kemp Power, ha affermato come Soul è il film Pixar che si rivolge maggiormente agli adulti, senza trascurare i più piccoli:

Vogliamo ispirarli, fornire gli strumenti per far sognare una nuova generazione. 

A causa della difficile situazione mondiale Soul arriverà il 25 dicembre, in contemporanea mondiale, direttamente su Disney+, la piattaforma di streaming della major statunitense, saltando le sale cinematografiche. Una scelta difficile che ha messo la Disney al centro di diverse polemiche negli ultimi giorni.

Nei prossimi appuntamenti previsti gli incontri che sono da sempre un vero punto di forza della Festa di Roma e tra i nomi ci sono quelli di Gabriele Mainetti, Gianfranco Rosi, i fratelli D’Innocenzo.

Ci sarà un doppio omaggio a Federico Fellini, mentre tra le pellicole annunciate ricordiamo il docu-film “Mi chiamo Francesco Totti” di Alex Infascelli, in cui nella notte che precede l’addio al calcio il “Capitano” ripercorre la sua carriera (per poi essere intervistato da Pierfrancesco Favino negli “Incontri Ravvicinati”), fino a “Romulus” la serie di Matteo Rovere, sulla  fondazione di Roma.

Spazio anche ai documentari come “Donna di quadri” e “Porto Rubino” e tra le anteprime già annunciate “Stardust” su David Bowie interpretato da Johnny Flynn.

StardustChiude il film “Cosa sarà” di Francesco Bruni, con Kim Rossi Stuart.

Sidney Poitier e Paul Newman sono i protagonisti dell’immagine ufficiale della quindicesima edizione della Festa del Cinema. La foto è stata  scattata in occasione delle riprese di “Paris Blues” di Martin Ritt (1961), film candidato all’Oscar.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui