E arriva Natale…

250655

…un altro Natale.

E Putin bombarda, Israele bombarda, il Papa non si stanca di chiedere pace per “la martoriata Ucraina e per tutto questo Mondo”, in IRAN “giustiziano” chiunque “offende Dio” (questa è davvero nuova e per certi versi bellissima come scusa), l’Italia continua a riempirsi di “panchine rosse” mentre a Praga un tizio entra in Università e ammazza una quindicina di giovani studenti pieni di sogni e di vita.

E quindi non c’è niente da fare: continuano ad essere sempre più numerosi quelli “fuori di testa”.

Ma confesso che di tutte queste storie mi colpisce molto ciò che è accaduto in Israele e a Praga dove, in entrambi i casi, ragazzi inermi sono rimasti vittime di “pura follia idiota”.

A me hanno insegnato che Dio è capace di perdonare persino “le meretrici pentite” ma quando si offende la vita in questo modo, diventa dura…

Qualche tempo fa scrivevo che l’Italia è, a mio avviso, il Paese delle occasioni perse ma, a quanto pare, è l’intera Umanità che sta perdendo occasioni…

Un Natale in cui buona parte di questa Umanità vivrà come Gesù nella culla…al freddo e al gelo.

Un Natale che vede l’Albero protagonista a Roma spostato a piazza del Popolo da piazza Venezia, dove veniva allestito di consueto. Si tratta di un abete di 22 metri, decorato con 800 palline e dalla potenza di 100mila LED…mentre sono decine le imprese edili con cassetti fiscali colmi di crediti da 110 che nessuna banca vuole più rilevare…operai licenziati e imprenditori sull’orlo del suicidio…altro che LED e palline!

Altra occasione persa?

Ma che fine ha poi fatto quel tizio di Rimini che ha truffato milioni di euro con finti lavori 110 per colpa del quale e di quelli come lui, poi, sono cambiate a più riprese le normative determinando via via degli stop and go alla fine diventati “qui è tutto bloccato”?

E allora io mi chiedo e vi chiedo ma non sarà arrivato il momento di pensare ad una Giustizia più incisiva perché il Mondo non può più essere in mano a corvi vestiti di nero che giustiziano in nome di Dio per una ciocca sbarazzina di capelli, a personaggi in giacca e cravatta che sparano missili dalla mattina alla sera su ospedali, centrali elettriche, case di contadini…, a malati di mente che a bordo di ultraleggeri sparano all’impazzata su ragazzi in festa, matti che uccidono nelle Università, si fanno saltare per aria, a truffatori che rubano milioni allo Stato Italiano tanto da non sapere più dove mettere i soldi che gli arrivano nei tanti conti correnti aperti dove capita…

Io ormai credo che “da qualche parte occorre partire” e pertanto davvero vorrei finalmente vedere uno Stato riformato e più incisivo ed una Giustizia Italiana che punisce severamente i truffatori, coloro che prendono tangenti, chi va in giro a sparare, chi per una lite, per gelosia, perchè lasciato … ammazza mogli e fidanzate, a preti pedofili…

A mio avviso i temi su cui lavorare nel 2024 sono giovani, famiglia, ambiente, legalità e quindi finalmente realizzare una vera Riforma della Giustizia e del Codice Penale in modo che indagini, processi, condanne e pene siano veloci, severe e certe!

E non serve assumere gente in continuazione nei Tribunali … basta solo che coloro che già ci stanno lavorino motivati ed a pieno ritmo…

PS “ambientale”

La 28ª conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP 28) si è svolta dal 30 novembre al 13 dicembre 2023 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, i maggiori produttori mondiali di combustibili fossili. Non si sono raggiunte “intese serie” sulla necessità di rendere trascurabile il più velocemente possibile l’uso di tali combustibili e del resto fare questa conferenza in un Paese che consuma tanto di quel petrolio per condizionare i “palazzoni nel deserto” è un po’ come organizzare una conferenza contro la violenza sulle donne in casa di “Jack lo squartatore”

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Credi davvero che un ippopotamo possa volare?

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here