Donne al cinema e in TV

253892

Per la festa della donna sembra doveroso pensare di scrivere qualcosa che si colleghi al tema e che serva a far riflettere sul modo in cui le Donne nel tempo hanno lottato per affermare la propria identità.

Partendo dal presupposto che tutti i giorni dovrebbe essere celebrata la figura femminile e ribadire che quotidianamente le vengono violati i diritti basilari in paesi come Iran o Africa, anche se riduttivo, ricordiamo alcuni personaggi simbolo di una Donna in continua evoluzione nel corso della Storia umana.

Piccole Donne (Jo March)

Ne sapeva sicuramente qualcosa di emancipazione femminile Louisa May Alcott che fece del suo romanzo un vero manifesto della necessità di cambiamento sociale che le donne stavano attraversando . Non più solo madre, sorella o moglie, le sorelle March (e Jo soprattutto) ambivano ad essere molto di più e il libro divenne il simbolo di un nuovo pensare alle donne, alle loro inclinazioni artistiche e professionali e al loro stesso ruolo di moglie/compagna.

La pellicola di Greta Gerwig (con Saoirse Ronan, Florence Pugh) è disponibile su Netflix.

Piccole donne di Greta Gerwig

La regina degli scacchi (serie tv)

Tratta dal romanzo di Walter Tevis, questa miniserie è una storia di formazione. Crescendo in un orfanotrofio del Kentucky verso la fine degli anni ’50, la giovane Beth Harmon (Anya Taylor-Joy) scopre di avere un talento incredibile per gli scacchi mentre sviluppa un problema di dipendenza dai tranquillanti che lo stato somministrava ai bambini come sedativi. Tormentata dai propri demoni e sospinta da una miscela di narcotici e ossessioni, Beth si trasforma in una figura eccentrica, decisa a superare i confini tradizionali del mondo prettamente maschile delle gare di scacchi.

Iconica e ormai un cult. Su Netflix.

L’amante di Lady Chatterley (film)

Dopo il matrimonio con Sir Clifford Chatterley, Connie prende il titolo di Lady Chatterley e sembra destinata a una vita di ricchezza e privilegio. Ma questa unione ideale poco a poco si trasforma in una prigione quando Clifford torna dalla Prima guerra mondiale con ferite che gli impediscono di camminare. L’incontro con Oliver Mellors, il guardiacaccia delle proprietà della famiglia Chatterley di cui si innamora, spinge la protagonista in una relazione segreta che la porta a un risveglio sensuale e sessuale. Quando il rapporto diventa però oggetto di pettegolezzi, Connie si trova di fronte a una decisione che potrebbe sconvolgerle la vita: seguirà il suo cuore o tornerà dal marito accettando quello che la società edoardiana si aspetta da lei? Netflix.

La legge di Lidia Poët (serie tv)

Torino, fine 1800. Una sentenza della Corte d’Appello di Torino dichiara illegittima l’iscrizione di Lidia Poët all’albo degli avvocati, impedendole così di esercitare la professione solo perché donna. Senza un quattrino ma piena di orgoglio, Lidia trova un lavoro presso lo studio legale del fratello Enrico, mentre prepara il ricorso per ribaltare le conclusioni della Corte.

Attraverso uno sguardo che va oltre il suo tempo, Lidia assiste gli indagati ricercando la verità dietro le apparenze e i pregiudizi. Jacopo, un misterioso giornalista e cognato di Lidia, le passa informazioni e la guida nei mondi nascosti di una Torino magniloquente. La serie rilegge in chiave light procedural la storia di Lidia Poët, la prima avvocata d’Italia. Su Netflix.

La fantastica signora Maisel (serie tv)

Una casalinga moglie devota e perfetta può trasformarsi in comica dal linguaggio scurrile in tournèè nell’America degli anni 60 con una donna manager tutto fare?

Mrs Maisel non ha peli sulla lingua. Dice sempre quello che pensa senza freni inibitori ma non per questo non è una fragile donna bisognosa di amore e di un uomo accanto. Misoginia, razzismo, conflitti sociali, emancipazione. Tanti i temi affrontati da questa geniale serie tv disponibile su Prime Video. Protagonista una straordinaria. RACHEL BROSNAHAN.

Gilmore Girls Una mamma per Amica

Si amano o si odiano le Gilmore in egual misura. Ma non si può non imparare a conoscerle attraverso 7 lunghe stagioni che restano tra i contenuti più visti su Netflix. Lorelai madre e Rory figlia con il loro rapporto speciale, rappresentano due mondi in realtà opposti. Lorelai soprattutto incarna l’ideale della ragazza madre, consapevole dei suoi errori, che si rimbocca le maniche per affermarsi anche come donna, senza perdere mai di vista il suo obiettivo primario: Rory. Si può essere un bravo genitore senza rinunciare a se stessa. Delizioso serial.

The Marvelous Mrs Maisel 4: un vulcano su Prime Video

Bridget Jones Diary

Chiudiamo con l’emblema della donna moderna single e in cerca dell’amore. Bridget Jones rappresenta tutto quello che una donna di oggi vive quotidianamente. Ambizioni (frustrazioni) professionali, relazioni disastrose (ma ce la possiamo sempre fare), amici da cui correre a raccontare dei nostri guai, sogni d’amore mai sopiti. E il bello e meraviglioso è che Bridget non è una Donna perfetta.

Ma Diciamolo: in fondo chi di noi lo è o lo vuol essere davvero?

Previous articleL’amore necessario
Next articleAbbandoni silenziosi
Sono Sandra Orlando, mamma di Anna e Andrea, laureata in Lingue e insegnante. Faccio parte dell'Associazione Accademia e collaboro come Editor a SCREPmagazine. Dal 2020 Sono redattrice ed Editor nella redazione della rivista di Cinema Taxidrivers per cui ho ricoperto il ruolo di Programmatrice e Head of editorial Contents . Amo la letteratura, il cinema, la musica ed in genere tutto ciò che di artistico “sa dirmi qualcosa”. Mi incuriosisce l'estro dell'inconsueto e il sorriso genuino dell'umiltà intelligente.  Scrivere fa parte di me. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here