Donne al buio

165075
Qualche tempo fa lessi su un periodico una considerazione di G.B. Johnson il quale affermava che le donne con il burqa sembrano “cassette per le lettere“.
Rimasi molto colpita da questa affermazione e iniziai a chiedermi: ma come sarà la vita di queste donne chiuse in un tale tugurio?
Si può esprimere ugualmente la piena identità anche se ci si trova confinati in una situazione così angusta?
Immagino per un attimo di essere coperta da capo a piedi dallo scomodo drappo che mi concede solo una piccola apertura all’altezza degli occhi… giusto uno squarcio abilmente architettato, in modo che il campo visivo risulti frastagliato da un ricamo a rete fittissima.
Ebbene, sì… perché la visione dell’esterno non deve essere nitida. L’apparato visivo deve mostrare una limitata efficienza.
Si tratta, insomma, di una “finestra retata sul mondo”, una semplice presa d’aria.
È risaputo che gli occhi siano lo specchio dell’anima e sappiano raccontarsi meglio delle parole: si guardano intorno, con curiosità e circospezione, sono sgranati quando vogliono esprimere stupore, meraviglia, o anche paura, si chiudono sotto le palpebre quando sono pronti ad andare incontro ad un viaggio onirico…
A queste donne viene concesso solo uno spiraglio di luce per osservare tutto ciò che ruota intorno a loro.
Hanno le mani celate tra le pieghe dei drappeggi e non possono toccare nè avere piena consapevolezza delle cose.
Non percepiscono il vero profumo della vita che pulsa, vibra, al di là di quell’oscuro esilio.
Tutto ciò che riescono a sentire e fare, è alterato in quanto filtrato dalla loro veste.
A loro viene preclusa la possibilità di cogliere l’intera realtà nella sua nudità.
Di essa possono solo avere una parvenza.
Chissà quante fantasie attraverseranno la loro mente quando si soffermeranno a pensare come sarebbe potuta essere la loro vita se fosse stata baciata costantemente dal sole!
Vite anonime, senza volto, vite chiuse nei loro silenzi, vite che non mostrano gaudio né tristezza, vite che celano sorrisi e lacrime, vite con tanti bei sogni che non hanno mai spiccato il volo.
In questo particolare momento storico è doveroso rivolgere un pensiero alle donne afghane, soprattutto a quelle donne disperate di Kabul che giorni fa senza burqua, a viso scoperto, si sono lasciate immortalare dagli obiettivi fotografici e dalle telecamere, mentre chiedevano aiuto ai soldati americani affinché le liberassero dalle rappresaglie dei talebani.
A tutte queste donne auguro di tutto cuore di trovare il coraggio di resistere, per difendere la loro libertà e i loro diritti, continuando ad urlare per scuotere le coscienze di un mondo indifferente alle loro richieste di aiuto.
Non vogliamo che diventino donne invisibili, senza speranza…
Se non ci si oppone, se non ci si difende, se non si combatte, la Jihad vincerà. E distruggerà il mondo che bene o male siamo riusciti a costruire, a cambiare, a migliorare, a rendere un po’ più intelligente cioè meno bigotto o addirittura non bigotto”. (Oriana Fallaci)
Piera Messinese

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article“Foundation” in anteprima il trailer della nuova serie Apple
Next articleUmberto Boccioni (parte settima)
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here