Claude Monet (parte quarta)

177184

Clicca sul link qui sotto per leggere la parte precedente:

Claude Monet (parte qurta)

“Scena di neve ad Argenteuil”

olio su tela 71,1,×91,4 cm

National Gallery, Londra

Monet trascorse gran parte della sua vita in questa cittadina turistica sulle rive della Senna.

Il rigido inverno del 1874-75 gli offrì l’opportunità di dipingere 18 vedute di paesaggi nevosi(vedi foto)…

…quasi tutti concentrati sulla via della casa in cui il pittore viveva.

“Scena di neve ad Argenteuil” è quindi uno dei tanti dipinti che Monet eseguì per immortalare l’eccezionale nevicata che colpì Argenteuil in quel periodo.

“SCENA DI NEVE AD ARGENTEUIL”

Il centro della composizione è il boulevard Saint-Denis in una posizione privilegiata sulla riva destra della Senna.

Questo villaggio di campagna, come dicevo, è per Monet lo scenario migliore per dipingere ripetutamente le case innevate intorno all’antica chiesa gotica sovrastata dal grande campanile.

La composizione è disegnata e motivata dalla ricerca della resa atmosferica.

Ma anche il tocco appare frammentato in funzione della resa del movimento delle figure sulla neve, le quali assumono sfumature cangianti e differenziate perché captano i raggi di luce in maniera diversa.

Tutta la scena è dominata con sfumature di grigio e blu che ovviamente sono i colori tipici dell’inverno.

Non mancano però alcune piccoli “tocchi” di giallo, rosso e qualche altro colore, che si possono vedere sia sugli edifici, ma anche nella fitta vegetazione ricoperta di neve.

CONCLUDENDO:

Monet è stato un fedele testimone della sua epoca. Un testimone alle attenti evoluzioni dell’arte, agli accadimenti socio-culturali e, come questa opera, al trascorrere lento del tempo.

Bruno Vergani

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here