Auguste Renoir (parte quarta)

119888

Clicca il link qui sotto per leggere la terza parte:

Auguste Renoir (parte terza)

AUGUSTE RENOIR (parte quarta)
Ritratto di giovane donna (L’Ingènue)
Olio su tela 55 × 46
Collezione privata

La modella è l’attrice Henriette Henriot (nome d’arte perchè in realtà si chiamava Nini Lopez) che in quel periodo posava spesso per l’artista.

Henriette fu la modella che Renoir preferiva e che ha ritratto in almeno undici capolavori.

Il maestro la incontrò in un locale parigino quando nel 1876 si trasferì a Montmartre, rimanendone colpito dalla sua bellezza e dai suoi occhi che esprimevano gioia e luminosità.

All’epoca Henriette lottava per diventare una stella del teatro Odeon, ci riusci’ alla fine degli anni ottanta diventando protagonista di molte opere.

Renoir amava ritrattare la maggior parte dei suoi soggetti prevalentemente femminili.

In questo ritratto Renoir, con delicate pennellate, rende i lineamenti più simili al proprio ideale di bellezza femminile.

“RITRATTO DI GIOVANE DONNA”

La giovane donna elegantemente vestita è ritrattata su uno sfondo indefinito.

Porta un dito alle labbra, come in attesa di qualcosa che sta per accadere, mentre con la mano destra trattiene delicatamente la sciarpa.

Lo sguardo incuriosito, è assorto su qualcosa o qualcuno che si trova al di fuori della cornice del quadro.

Le pennellate, tipiche della tecnica “impressionista”, sono sottili e intercalate da tocchi di colore denso, mentre il contrasto tra i blu della sciarpa, del cappellino e la delicatezza della pelle creano un’immagine ricca di fascino.

In modo analogo, Renoir aggiunge volume e carattere ai capelli biondi della ragazza grazie all’uso di un’ampia gamma cromatica.

Il blu profondo degli occhi e il rosa acceso delle labbra costituiscono i punti focali dell’intera composizione.

Con maestria, Renoir conferisce alla figura eleganza, movimento e delicatezza.

PER FINIRE:

Data la sua giovane età e l’espressione in certo modo originale, al dipinto fu inizialmente assegnato dalla critica il titolo “L’ingènue” (L’ingenua).

Un appellativo che Renoir categoricamente rifiutò.

Perché l’ingenua smarrita e pensante non era così innocente, secondo Renoir…

Bruno Vergani

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here