ANNIBALE CARRACCI
Pietà

1599-1600

Museo Nazionale di Capodimonte Napoli.

L’opera di Annibale Carracci (Bologna 1560 – Roma 1609) è tesa in uno sforzo verso la purezza della forma classica.

Nel suo grandioso capolavoro, il maestro esige il massimo da sè stesso per creare un’opera perfetta in entrambi i sensi, passionale e contenutistica.

La storia della pittura, che con questa opera ha segnato l’avvento di un nuovo periodo, ha fornito piu’ tardi la dimostrazione di quanto fossero giusti quegli sforzi visto il valore esemplare di questa creazione.

Carracci stesso, che negli ultimi anni della sua vita fu afflitto da cupa malinconia, cercò tuttavia di superare il traguardo raggiunto, per giungere ad una più alta unità contenutistica, esprimendosi solo attraverso una composizione rigorosa.

La tragicità del contenuto di questa opera, una “Pietà” bellissima molto umana e drammatica, con una madre colpita dal dolore che con un gesto cerca di esternare lo smarrimento, segna un ulteriore accrescimento dell’espressione dei sentimenti religiosi nei suo dipinti, e si rivestono di grandezza nonostante il quadro sia di dimensioni piccole.

L’effetto artistico, come si nota, assurge a dimensione monumentale.

Bruno Vergani

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui