“Stelle filanti” di Maria Cristina Adragna

140578

STELLE FILANTI

Benedetta goliardia,
hai mietuto i grevi spasmi,
sovvertito i miei programmi,
estirpato la gramigna.

Hai tessuto fitte trame
di pensieri edulcorati
cosicché la mente sgombra
captasse eterea gioia.

Il concerto dei colori,
melodie di liete risa,
volti acerbi ornati a festa,
gesti intrisi di candore.

Mi cingesti flebilmente
con le tue stelle filanti,
nella morsa delicata
di coriandoli e di baci,
io depongo la mia maschera
ai tuoi piedi, senza inganni,
ti prospetto cieli tersi
ed un viaggio nei miei occhi… 

Maria Cristina Adragna

 

Previous article“Fatalità” di Fiorella Grillo
Next articleAmarcord
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here