“Cannalivari” di Maria Cristina Adragna

143604

CANNALIVARI

Cannalivari era un masculu furfanti
chi passava li jurnati a fari dannu,
tutti l’atri sunnu sulu principianti
e li cosi chi fa iddu unni li fannu.

Ci tirava la curidda all’attaredda,
ci arrubbava carameli a lu putiàru,
ìa rirennu appressu ‘a fimmina chiù bedda
e sfuttìa li cuddureddi r’ù furnàru :
“Chi su lari sti viscotta,
sunnu menzi scassuniati,
pari c’appiru na botta
e chi foru scafazzati!”

Quannu parsi a li cristiani ,
chi s’avianu disfiziatu,
si parraru tra paesani
pi circari ù disgraziatu!

L’affirraru p’à cammisa,
lu stricaru muru muru,
cu na mossa assai decisa
lu spugghiaru nuru nuru.

E rirennuci n’ta facci ,
comu spissu fici iddu,
lu lassaru senza robbi
a trimar comu un cardiddu.

Accussì, Cannalivari,
pi sta gran mala fiura,
lestu lestu sì iu ammucciari
misu dà, n’ta quattru mura.

E di tannu si sta arrassu
picchì un voli chiù affacciari,
e pi fari puru un passu
iddu s’avam’ mascherari…

TRADUZIONE

Carnevale era un uomo furfante che trascorreva le giornate a combinare danno, tutti gli altri sono solo principianti e tutto quello che fa lui non lo fanno.

Tirava la coda alla gattina, rubava le caramelle al negoziante, rideva dietro alla più bella donna e prendeva in giro i biscotti del fornaio:”quanto sono brutti questi biscotti, sono mezzi rotti, sembra che abbiano subito un gran colpo e che sono stati schiacciati!”.

Ad un certo punto, le persone che si erano stancate, cominciarono a parlare tra di loro, per cercare il disgraziato.

Lo afferrarono per la camicia, lo strofinarono lungo il muro, con una mossa molto decisa lo spogliarono, nudo nudo!

E ridendogli in faccia, come spesso aveva fatto lui, lo lasciarono senza vesti, mentre tremava come un cardellino.

Così, Carnevale, a causa di questa grande e brutta figura, si andò a nascondere velocemente e rimase lì, tra quattro mura.

E da allora sta lontano da tutti, non vuole più figurare e per fare un solo passo lui si deve mascherare…

                   Maria Cristina Adragna 

“Stelle filanti” di Maria Cristina Adragna

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here