Amarcord

128379

Erano i giorni delle croste in bianco e nero.

Quelle guaribili con un gesto che accompagnava il fazzoletto candido di bucato.

A quei tempi bastavano i calzettoni e un cerchietto con apine e fiori a decretare lo spartiacque tra l’infanzia e l’adolescenza.

Vi erano i riti familiari che sancivano le varie parti del calendario, e difficilmente queste parti erano asincrone l’una con l’altra.

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi, le domeniche al mare, i lavoretti estivi, i libri delle vacanze, il corpo che cresceva e che non riconoscevi più, i passaggi timidi da un cantone all’altro delle esperienze, fatte senza troppa enfasi, quasi in sordina. Si diventava uomini e donne così.

Forse tra stereotipi: però lo si diventava.

Adesso, invece, è il tempo delle mele che, per comodità, durano tutta la vita e non si staccano mai dall’albero.

Il tempo delle confusioni sguaiate, delle ambiguità vendute, delle vite che si trovano sciupate nella noia del superfluo senza sapere come si possa sprecare la poesia del pane sporcandolo di fango.

Un fango in vetrina che seduce, e imbratta le vesti e l’ anima.

Non mi piace questo modo tentacolare di trattenere ciò che andrebbe liberato, librato, donato al mondo.

Non è libertà, non è giustizia, non è appartenenza.

È solo caos. Che deraglia, disgrega e disintegra.

Ho nostalgia dei tempi buoni, e duri: quando l’intero universo restava stretto tra due mani,
e lo sguardo non passava mai da un clic.

Allora, persino le secchezze avrebbero potuto conservare un nucleo di verde sotto l’apparenza dell’arsura.

Ecco perché i fiori non seccavano mai.

Carmela Laratta

https://screpmagazine.com/la-landa-di-febbraio/

Previous article“Stelle filanti” di Maria Cristina Adragna
Next articleCome una farfalla
Sono Carmela Laratta e faccio il medico. Adoro la scrittura e la lettura, in maniera "esagerata" sin da quando ero piccola; vado matta per i vecchi film e telefilm in bianco e nero e per tutto ciò che è arte, inventiva, manualità. Ma più di ogni altra cosa amo la poesia, che è la mia isola segreta, l'angolo remoto dove il pensiero si fa ritmo e melodia, una sorta di ciambella di salvataggio paragonabile alla bombola d'ossigeno per chi soffre d'asma.Scrivo da molti anni. Dopo un lunghissimo intervallo, nel 2016 la poesia è tornata a trovarmi e da allora mi fa piacevolmente compagnia. Dal 2016 ad oggi ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali, vincendo diversi premi, spesso tra i primi posti. Sono lieta di partecipare a questa bellissima avventura con ScrepMagazine. Credo che condividere una passione sia il modo migliore per farla vivere più a lungo e che l’unione nella cultura faccia davvero bene all’anima e al mondo intero.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here