“Quattro chiacchiere” a carnevale

217265

Parliamo di dolci tipici di Carnevale?

E allora prepariamo le “Chiacchiere”, dolce tipico anche calabrese che si prepara durante il periodo del Carnevale.

Possono essere di varie forme, anche se quella tipica e la forma di una striscia, e possono essere cotte al forno e successivamente spolverate di zucchero a velo.

In alcuni posti si preparano ricoperte da miele, cioccolato o anche innaffiate con alchermes o servite con il sanguinaccio o con mascarpone montato e zuccherato.

Ingredienti

300 gr di farina 00
2 uova
30 gr di burro
2 cucchiai di zucchero
1 scorza di limone grattugiata (1 limone)
1 pizzico di sale
2 gr di lievito per dolci
50 ml di grappa
1 l di olio di arachide per la frittura
zucchero a velo qb per decorare.

Su un piano di lavoro, formate una fontana con la farina, quindi unite al centro le uova, il burro ammorbidito, lo zucchero e il pizzico di sale e cominciate a impastare.
Unite anche la scorza di limone grattugiata e il lievito.
Continuate ad impastare unendo poco per volta la grappa.
Una volta che il composto sarà diventato omogeneo e non appiccicoso, formate una palla, rivestirla con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Passato il tempo di riposo, riprendete l’impasto e tiratelo con un mattarello o con la macchina tirapasta in una sfoglia sottile di 3/4 mm ( Più sottile riuscirete a fare la vostra sfoglia più otterrete della chiacchiere leggere e croccanti). Mano mano che formate le sfoglie mettete su un panno da cucina leggermente infarinato.
Con una rotella dentellata ricavate dalla sfoglia dei rettangoli di medie dimensioni
(oppure forme che più vi piacciono).

Portate l’olio di arachide a temperatura in un tegame di acciaio dai bordi alti. Friggete le chiacchiere di carnevale, poche alla volta, fino a completa doratura da entrambe i lati.
Mano mano che le cuocete, scolatele su carta assorbente per asciugarle dall’olio in eccesso.
Spolverate le chiacchiere con zucchero a velo e consumate calde.

Le chiacchiere di Carnevale possono essere anche cotte in forno.

Basterà metterle in una placca da forno foderata con carta forno e cuocerle a 180° in forno statico fino a quando non avranno raggiunto una bella doratura uniforme.

Antonia Flavio

Clicca il link qui sotto per leggere un mio articolo precedente:

Alessandro Incerto: un uomo dalle mille sfaccettature

Previous articleLa “Pacchiana lametina”
Next articleLa storia di “Corso”, il cane dei briganti
Antonia Flavio nasce a Cosenza il 01/06/1977 dove attualmente vive con la famiglia. Autrice di: "La mia vita i miei amori racchiusi in una poesia", "Echi del mare" e "Diario Bruciato" . Presente su Wikipoesia. L' 8 gennaio del 2020 è stata inserita nell' Albo D'oro dei Poeti, Scrittori ed Artisti Contemporanei Italiani di Cefalù Art. Inserita nell'Albo dei Poeti del comune di Lucito. Iscritta all'Albo dei Poeti e Scrittori italiani. Iscritta all'associazione Cenacolo Letterario Italiano città di Cefalù. Iscritta all' Accademia Mondiale della Poesia. Iscritta presso Associazione socio culturale "Club della poesia" città di Cosenza. Iscritta all'Associazione Culturale GueCI. Iscritta all'Associazione Culturale RDP di Messina. Iscritta ad Accademia Edizioni ed Eventi ETS di Roma. Autore su ScrepMagazine. Vincitrice di numerosi concorsi letterari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here