Parco naturale regionale delle Serre: Progetto Educando all’Ambiente

223142

Si concluderà il 26 maggio, presso la suggestiva Serra San Bruno, la giornata conclusiva del progetto Educando all’ambiente promosso e interamente finanziato dal Parco naturale regionale delle Serre,  per insegnare agli alunni l’educazione ambientale.

Il progetto, fortemente voluto dal commissario straordinario Alfonso Grillo e dal dirigente Francesco Pititto, ha coinvolto 15 scuole della provincia di Vibo Valentia e Catanzaro.

Pur iniziando il 6 marzo, a metà anno scolastico e con programmazione già avviata, ha coinvolto gli istituti :
Convitto Filangieri di Vibo Valentia, preside Alberto Filippo Capria; IC Murmura di Vibo Valentia e IC
Soriano- Sorianello-Gerocarne, preside Tiziana Furlani; Liceo classico Morelli di Vibo Valentia, preside
Raffaele Suppa; Iti Vibo Valentia, Preside Maria Grazia Gramendola; liceo scientifico Einaudi di Serra San
Bruno, preside Antonino Ceravolo; IC Fabrizia-Nardodipace-Mongiana- Cassari e IC Chiaravalle; preside
Maria Carmen Aloi; istituto alberghiero di Soverato, preside Renato Daniele; Ic Vespucci di Vibo Marina,
preside Giuseppe Sangeniti.
Fra scuole elementari, medie e superiori, il progetto ha visto partecipare oltre 1200 alunni entusiasti.

Il progetto Educando nasce dalla consapevolezza dell’importanza di far conoscere ai nostri ragazzi l’ambiente in cui vivono e cresceranno, i loro luoghi di appartenenza per sviluppare in loro il concetto di cittadinanza attiva affinché un domani possano essere i custodi del nostro patrimonio naturale artistico e culturale.

Si è sviluppato su tre filoni:

  • biodiversità e natura;
  • educazione civica ambientale e legalità;
  • rifiuti e raccolta differenziata.

Tanti gli argomenti trattati dagli esperti del Parco in aula: ambiente e natura da Cosimo Deluca e Aurora Ventrici; i vecchi mestieri e la flora del Parco da Matteo Tassone; dalla legalità alle buone pratiche Domenico Minichini; dall’Agenda 2030 all’educazione civica Maria Luana Ferraro; i beni storico-culturali e le tradizioni Brunella Iellamo; dall’educazione ambientale ai percorsi naturalistici con Giorgio Pascolo; dai rifiuti alla raccolta differenziata con Vittoria Vizzari.
Il progetto pilota, reso strutturale nei prossimi anni, si concluderà proprio nel cuore del parco a Serra San Bruno.

La giornata, interamente finanziata dal parco delle Serre, vedrà gli alunni impegnati nei vari percorsi.
Un altro obiettivo centrato dall’Ente Parco che si propone di coinvolgere da settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico le scuole primarie, secondarie di tutte e tre le provincie (Vibo Valentia, Catanzaro e Reggio Calabria).

<<Vogliamo attivare un percorso formativo- ha dichiarato il commissario Grillo – che instilli nei futuri cittadini del domani valori, orgoglio e senso di appartenenza ad una terra, la nostra Calabria, nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità, elementi essenziali per uno sviluppo sostenibile>>.

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Statua di bronzo a Sonia Demurtas realizzata dal maestro Giuseppe Gattuso

Previous articleStatua di bronzo a Sonia Demurtas realizzata dal maestro Giuseppe Gattuso
Next articleUn Paese di inutili chiacchieroni
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here