Un abbraccio di cui tanti ancora non fanno parte…

159681

Stamattina sono uscito per fare quelle cose “che vanno fatte” soprattutto quando il ruolo di figlio impone di sostenere la madre anziana.

È il “cerchio della vita” mi ripetevo per invocare la forza e l’allegria necessari… da chi poi ancora non l’ho capito… Dio? Gesù? La Madonna?… Mah…meglio limitare tutto a se stessi…

Poi sono andato a Messa perchè qui in paese sono iniziate le feste, sia quelle già previste sia quelle “da recuperare” perchè non fatte causa Covid nel primo semestre 2021.

Sono arrivato tardi, tutto pieno, e quindi mi ho dovuto ascoltare la funzione fuori, sul sagrato.

Meglio.

Era fresco e ventilato.

Poi Don Mimmo, l’attuale Parroco, ha parlato di “cambiamento” invitando ad “evitare di cambiare e di far cambiare” e – piuttosto – ad “imparare ad accogliere”.

E così, come d’incanto, mi si sono visualizzate nella mente alcune delle frasi più celebri sul tema:

“Se non esistesse nulla di eterno, neppure il divenire sarebbe possibile.”

ARISTOTELE

“Sii il cambiamento che vorresti vedere avvenire nel mondo.”

MAHATMA GANDHI

“Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.”

WINSTON CHURCHILL

“Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.”

MARTIN LUTHER KING…

E rimuginando, mi sono girato intorno, sempre sul sagrato, e mi sono visto come una specie di pedina di dama su una scacchiera… tutti nella propria “casella” distanziati in modo preciso, quasi ingegneristico.

Ho pensato: “Pur non essendo nessuno dei presenti responsabili di questa situazione in cui ci si trova, non vaccinarsi equivale a non far nulla per cambiarla”, parafrasando Martin Luther King.

A Messa finita le parole di Don Mimmo mi continuavano a girare in testa anche perché mi hanno fatto ripensare a quando ebbi l’intuizione di creare Accademia e ScrepMagazine, luoghi “virtuali e non” in cui tante persone si mettevano insieme con l’intento di essere quell’esempio di cambiamento che ognuno sperava di vedere avvenire nel mondo pur consci che non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare e farlo in tanti, insieme, in sintonia, con convinzione e testardaggine…Europei insegnano!

Intanto, passeggiando verso casa, per strada trovo l’amico avvocato di Roma , quello che non vedevo da molto tempo, che mi ha salutato senza mascherina e mi ha pure raccontato che non intende vaccinarsi e di quando ha preso due multe durante il periodo di lockdown: una perché beccato a passeggiare sul Lungo Tevere a ben 7 km da casa, l’altro perché beccato a giocare a calcetto con amici fra baci e abbracci per i goal segnati… lui… avvocato!

Arrivato a casa, il TG “ha inondato la TV” di varianti, di proteste, di incendi … ma se questo è il divenire, verso quale “eterno” stiamo andando?

Allora ho concluso.

Caro Don Mimmo io non sono d’accordo, “io non accolgo” chi mi saluta senza mascherina e non vaccinato, io non accolgo coloro che protestano perchè magari così “spacchiamo tutto, chi continua a fare conferenze sul clima e non si rende conto che ieri a Taranto stavano temperature da “profondo Sahara”, chi va in giro ad incendiare boschi così magari poi facciamo i forestali, chi entra in Accademia e poi non lavora sodo e insieme agli altri ma, anzi, se ne distacca perché sperava di “diventar novello Camilleri” senza chiedersi come mai non lo era diventato già da prima , io non accolgo un Governo che snocciola provvedimenti e buone intenzioni e poi non punisce coloro che “letteralmente se ne sbattono dei vaccini”, discotecari e avvocati che siano… io non intendo accogliere più alcuna protesta di “ignoranti antivax”, non intendo più accogliere chi nemmeno una pandemia ha rimesso coi piedi per terra già dimentico delle file di camion che portavano “a discarica” vite umane massacrate nel corpo e nell’anima dalla idiozia di questa Umanità.

Preferisco sognare, forse coltivare utopie, ma preferisco provare a cambiare questo Mondo raccogliendo io la plastica per terra, e non accogliere più chi non lotta con intelligenza, umiltà e impegno contro ogni mediocrità, egoismo, stupidità, furberia… e chiassoso immobilismo!

E vorrei concludere ringraziando tutti, tantissimi, coloro che mi hanno fatto gli auguri per il mio recente compleanno e nel contempo salutare con sincero e grande affetto anche tutti coloro che – inaspettatamente – se ne sono dimenticati.

Evidentemente, lo spirito di squadra dei recenti Europei di Calcio non ha insegnato nulla e nemmeno lo splendido abbraccio di ieri fra Jacobs e Tamberi…

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here