Mara Leone, talento e cuore…

183220

Mara Leone, talento e cuore, l’espressione di un’artista… 

Mara Leone, conosciuta e apprezzata pittrice lametina, è vincitrice del Concorso Nazionale dei pittori a Firenze nel 2020, con la rappresentazione “Il bacio”.

È un dipinto che rappresenta il preludio dell’amore.

Mara inizia a dipingere all’età di 10 anni, rigorosamente con l’occhio; la sua è l’arte di vedere tutto, regolarmente secondo bellezza, dipingendo la sua realtà, non i suoi sogni.

Numerose sue opere sono esposte nella città di Lamezia, in Italia e all’estero, anche in Australia. Apprezzata da molti, dunque, che ne riconoscono la sua “arte innocente”, come lei stessa la definisce…

Per Mara i colori sono degli esseri viventi, degli individui molto evoluti che si integrano con noi e con il mondo.

I suoi dipinti sono “i suoi figli” come lei stessa afferma, concepiti con emozione e partoriti dalla sua anima…

Molte sue opere sono state donate all’ Associazione Anti Covid19.

Sì, suoi figli dunque, da cui ne subisce il distacco, proprio come una madre, quasi a voler essere sicura che si troveranno nel posto giusto poiché l’artista non dipinge quello che vede, ma quello che si vedrà.

Frammenti di pensieri e parole dipinti coi pennelli …

Anna Maria Notaris

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleLa storia di Rudolf
Next articleIl Pettirosso
Anna Maria Notaris
"Donna non si nasce, si diventa" è opera di una scrittrice, Simone de Beauvoir, alla quale mi ispiro. Sono nata a Lamezia Terme, in Calabria, dove vivo e risiedo. Ho conseguito gli studi magistrali in un collegio ad indirizzo pedagogico-religioso a Soverato prima, a Catanzaro poi. A vent'anni, durante il mio primo viaggio negli Stati Uniti, nel New Jersey, ho avuto modo di osservare luci ed ombre dell'emancipazione femminile più avanzata di quel tempo. Ho lavorato come insegnante di scuola dell'infanzia a Milano e in Calabria, successivamente a Padova come ufficiale di riscossione. Il mio motto è: “amo così tanto la vita, da amarne anche le sofferenze”. Se dovessi descrivermi usando un aggettivo, direi che sono "poliedrica" per la volontà con cui riesco ad adattarmi alle circostanze della vita ed alle sue vicissitudini. Ho iniziato a scrivere dieci anni fa su "Studio Cataldi" di Roma, un giornale giuridico, ed ora scrivo su ScrepMagazine, la rivista dell'Associazione Culturale "Accademia Edizioni ed Eventi" di cui sono Socia. E scrittori si nasce, non si diventa. Una volta presa in mano la penna, tutto viene da sé…peraltro “Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che poi venga scoperta” (Italo Calvino).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here