Carissima, mi piace pensare che prima o poi questa lettera giungerà a destinazione.

Sto riflettendo sul fatto che le nostre anime si sono sempre parlate e che non credo aspettino occasioni speciali per rimembrare le cose che già conoscono e condividono da lungo tempo, intimamente, silenziosamente.

Abbiamo messo a nudo i nostri pensieri perché l’empatia è stata sempre palpabile queste e questa nudità si è rivelata la naturale evoluzione di un’antica complicità.

Ci siamo lette senza ipocrisia e falsità, ci siamo venute incontro trovandoci sempre lungo la stessa lunghezza d’onda.

Ed abbiamo fatto ciò che si deve fare quando si tiene ad una cosa cara: abbiamo cercato di mantenere viva nel tempo questa nostra speciale corrispondenza.

È facile dire ti voglio bene con le parole, ma sono sempre i fatti che danno valore ad un sentimento.

Voler bene non è solo una consapevolezza forte che muove da un desiderio, da un’esigenza, da un bisogno, ma è soprattutto una promessa, una libera emozione.

E nei tuoi confronti avverto da sempre questa libertà, questa meravigliosa sensazione di un bene che non ha confini.

Piera Messinese

Articolo precedenteMichelangelo “Enfant prodige” di Francesco Polopoli
Articolo successivoSto pensando di finirla qui :un viaggio onirico
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui