L’abbraccio di Egon Schiele

152157

L’abbraccio di Egon Schiele è un dipinto degli inizi del novecento, eppure il discorso pittorico è molto attuale nel suo significato esistenziale.

I due amanti si abbracciano in modo disperato al fine di poter farsi forza per sopportare il peso di una profonda solitudine che proviene soprattutto dalla società circostante, radicandosi, di conseguenza negli abissi dell’animo umano.

È un abbraccio ed è anche un sogno, quando l’anima è pervasa dal freddo e perfino dal ghiaccio, e il desiderio diventa sogno, e il sogno diventa desiderio.

Quanti amori sono sepolti da strati su strati di solitudini! I due corpi di Schiele cercano quel calore umano che risulta sempre insufficiente perché il tempo li ha resi duri e freddi come acciaio, ormai sempre più convinti che il calore di un abbraccio sia una effimera chimera.

Essi non si chiedono se il loro abbraccio possa essere espressione d’amore, non possono permetterselo, è un lusso che il tempo ha trascinato come detriti nella dura valle dell’esistere: il loro incontro non ha nulla di stabile, è invece precario come il lenzuolo sul quale sono stesi, è tutta tensione emotiva, è una ultima spiaggia, è il voler dimenticare, anche solo un momento, il gelo delle ore e dei giorni, è l’oblio di se stessi, anche solo per un momento.

La costruzione del dipinto, i colori, le posizioni delle figure, i loro capelli, rappresentano un mondo di non-amore.

Tommaso Cozzitorto

Clicca sul link qui sotto per leggere il m io articolo precedente:

Previous articleLe relazioni pericolose a scuola
Next articleÉdouard Manet (parte nona)
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here