La Colonna di San Pietro in Montorio a Roma

129443

Avete mai visitato a Roma, il Colle del Gianicolo?

L’ultima curva della via Garibaldi conduce al piazzale dove si trova il Fontanone dell’ Acqua Paola, all’incirca cento metri prima vi è un piazzale che fa da scenario alla bellissima Chiesa di San Pietro in Montorio.

Nella stessa piazza, dalla quale possiamo ammirare la bellissima vista del panorama che il belvedere ci offre, ma inoltre possiamo ammirare una colonnina crucifera che risale al 1657.

Essa, così come è avvenuto in altre chiese della città, soprattutto del circondario, aveva la funzione di punto di delimitazione costituendo un’area di rispetto con il sagrato della Chiesa stessa.

Questa usanza risale al medioevo ed era tipica delle chiese conventuali.

In quel periodo la chiesa veniva già considerata rurale trovandosi isolata dal centro della città.

Il piazzale venne sistemato verso il 1605 con il contributo delle offerte dei fedeli e soprattutto del Re di Spagna Filippo III e fu appunto in conseguenza di ciò che il reverendo padre Bonaventura da Roma successivamente ebbe l’iniziativa di far erigere la suddetta colonna.

Occorre premettere che la chiesa, che dà anche il nome alla piazza, è intitolata a San Pietro in quanto, secondo la tradizione, fu in quel punto che il santo venne crocifisso.

Questa notizia non è vera in quanto il luogo del martirio di San Pietro fu nel Circo di Caligola situato al Vaticano.

Anche se a fianco della chiesa vi è il tempietto del Bramante, internamente si ammira un foro nel pavimento che, secondo la leggenda, mostra il punto in cui era conficcata la croce sulla quale venne martirizzato San Pietro.

Il termine Montorio è dovuto alla zona, che anticamente era chiamata Monte Aureo, cioè monte d’oro in quanto le argille giallastre derivanti da depositi alluvionali preistorici, hanno conferito il colore dell’oro ai terreni su cui venne eretta la chiesa.

Nel 1820 la colonna venne temporaneamente rimossa dalla piazza e collocata presso il vicino Fontanone per diversi anni.

Successe poi che il papa Pio IX, in occasione del Concilio Vaticano indetto per l’anno 1870, aveva pensato di erigere una colonna commemorativa e così nel 1869 venne posta la prima pietra per la realizzazione di tale monumento.

Ma i tempi di realizzazione erano lunghi e così si giunse alla fatidica data del 20 settembre 1870,data che mise fine al potere temporale della chiesa e all’entrata in Roma dei Piemontesi, e il progetto della costruzione della colonna fu abbandonato.

Nel 1941 la Colonna Crucifera che era stata collocata vicino al Fontanone venne definitivamente posizionata nella piazza, il luogo dove tutt’ora si può ammirare.

ROMA 

Dall’alto colle Gianicolo
la splendida veduta
panoramica.
Sogna lo sguardo
accarezzando
da lontano la Città.

Bellezza rara e struggente
meravigliosa arte,
Cupole sublimi
volte scolpite,
archi da ammirare,
monumentali piazze
e il Tevere che placido
l’attraversa.

Dei secoli trascorsi
Roma è la custode
ai posteri dona
i suoi splendidi “tesori”
memoria visiva.

              Antonella Ariosto

L’Abbraccio

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here