Intervista al “Poeta Abusivo in attesa di condono”

210285

Oggi vi presento Donatello Sibilio noto come “Poeta abusivo in attesa di condono”.

Donatello nasce a Francavilla Fontana dove vive, tra i suoi interessi la musica d’autore, il cinema e il teatro.

Scrivere Poesie e Aforismi sono da sempre le sue passioni, oltre al canto e alla scrittura di testi per canzoni. Sul suo canale YouTube sono presenti alcune delle sue canzoni scritte: “Senza filtro”, “Come mai come”, “Stella cometa” “E sé”.

Sui social (Instagram, Facebook, LinkedIn) si cimenta quotidianamente a proporre i suoi scritti illustrati da immagini molto suggestive e storie musicate per dare quel tocco in più nel leggere le sue Poesie e Aforismi.

Le sue poesie sono disponibili sulle sue pagine social in modo gratuito, tende a precisare che l’uscita “cartacea” è solo per chi desidera avere i suoi scritti da collezionare, perché a suo dire qualsiasi tipo di arte dovrebbe essere gratuita e a disposizione di qualunque individuo.

Perché hai deciso di usare come pseudonimo “Poeta abusivo”, che cosa rappresenta per te?

Il mio pseudonimo deriva da diversi fattori, è come un tatuaggio che se ti chiedono cosa significa beh sostanzialmente rimane un segreto personale. Ma per me Poeta abusivo significa tante cose, in primis il fatto di non essermi mai sentito un poeta ma più che altro uno che butta giù sensazioni personali o che “fotografo” in giro tra la gente o tramite i mezzi di informazione. Il “grado” di poeta me lo hanno dato i miei elettori ed io ci ho aggiunto “abusivo in attesa di condono” proprio perchè non mi sento all’altezza del ruolo in se.

Quando è nata la tua passione per la poesia?

La mia passione parte da quando ero molto piccolo, a me piaceva scrivere e il mio sogno sarebbe stato diventare un cantautore, perchè mio padre mi ha donato una voce molto intonata e amavo cantare e scrivere. Poi adoravo i grandi Cantautori italiani ( De Andrè, Guccini, Graziani, De Gregori, Gaetano, ovviamente non faccio tutta la lista…)

Qual è il messaggio che vuoi trasmettere attraverso i tuoi versi?

I messaggi sono molteplici in base al tema che occupa lo scritto, messaggi sostanzialmente di speranza, di rivalsa, di fiducia in se stessi, ma anche solidali e che lasciano il lettore a porsi delle domande e delle riflessioni. Non sono un poeta proprio per questo, perchè amo parlare del presente e del vissuto comune e quotidiano, spaziando molto su diversi temi sociali.

Qual è il poeta di cui trai la tua massima ispirazione?

Non ho poeti di riferimento, difficilmente leggo… Ho sempre avuto paura che “inquinassero” i miei pensieri. Quelli che ho letto da ragazzo sono Pasolini, Neruda, Edgar Allan Poe, Trilussa e poi lasciamelo dire Bob Dylan… Diciamo che ho riferimenti più nella musica, nei testi delle canzoni d’autore.

La poesia si sta evolvendo o addirittura trasformando. Cosa pensi a riguardo?

Che sarebbe anche ora…non dico altro, altrimenti direi troppo…Anche se credo che nessuno dovrebbe “snaturalizzarsi” per compiacere o per rimodernarsi per forza.

Il poeta John Keats afferma: “Se la poesia non nasce con la stessa naturalezza delle foglie sugli alberi, è meglio che non nasca neppure.” Cosa pensi di questa affermazione?

Io ti dirò di più’Benedetto Croce diceva che fino a l’età di diciotto anni tutti scrivono poesie, dopo i diciotto rimangono a scriverle due categorie di persone, i poeti e i cretini. A me piacerebbe essere ne l’uno né l’altro, ma un abusivo…
Comunque il grande Keats ha ragione, ho nasce in modo naturale e buttata giù di getto o se dai tempo alla riflessione e alla “paraculagine” meglio cestinarla, altrimenti non sei più uno scrittore “libero”…

I poeti classici sono e saranno immortali. Si può secondo te, affermare lo stesso dei poeti contemporanei?

Dicevano la stessa cosa dei poeti classici immortali prima che lo diventassero…Lo stesso identico errore si fa oggi con i cantautori, leggo e sento dire che non ci sono più i cantautori di una volta, poi ascolti Niccolò Fabi, Samuele Bersani, Brunori Sas, Silvestri, Gazzè, Mannarino e ti ricredi fortemente…

C’è un posto o un luogo dove trovi massima ispirazione?

In una bottiglia di vino buono…

Per finire, ti va di deliziarci con una tua opera?

Certo che si.

In piedi

Rialzati che è tardi!
Torna vigile, donna.
Ti diranno che non puoi farcela,
ma tu puoi, e lo dimostrerai.
Essere sagaci non ha sesso.
Quando ti diranno di tacere, sii logorroica.
Chiunque ha qualcosa da dire.
Se ti diranno d’aver errato
dimostra che anche loro,
non sono immuni da sviste.
Se vorranno tenerti nel loro buio,
spiega loro che tu brilli, e che ami la luce.
Quando ti vorranno addomesticabile,
consiglia loro un animale come loro.
Se ti vedranno come merce sessuale,
consiglia la loro amica mano!
Decidi tu con chi, quando, senza prezzo.
Qualora ti dicano “sei roba mia”.
Tu spiega loro che la roba la trovano al mercato.
La roba non cammina, non pensa, non ama.
A coloro che festeggeranno dei tuoi insuccessi,
spiega che ti rialzerai, mentre loro mai.
Perché fallisce chi ride delle sconfitte altrui.
Se vorranno importi delle regole.
Dì loro che sei una fuorilegge!
Ricorda che non sei la proprietà di nessuno,
se non di te stessa.
Se ti daranno della “cicciona”
Chiedi loro dove trovare un’ottima trattoria.
Perché ami ciò che vedi nel tuo specchio.
Se ti vorranno magra,
dì loro che la salute è più importante dell’estetica.
Alla prima violenza verbale, al primo ceffone,
scappa da quel pezzo di merda.
Lascialo da solo a manifestarsi nella sua fogna!
Non pensarti sbagliata, e non pensare di cambiarlo.
Non dare spiegazioni a uomini meschini
dalle teorie “moglie sotto marito”.
Lascialo sull’altare e spera per lui in un miracolo!
Se hai letto queste righe è arrivata l’ora.
Rimettiti in piedi!

Io ti ringrazio per questa bella chiacchierata.
Ti porgo i saluti dello staff di ScrepMagazine e del direttore Giuseppe De Nicola.
Grazie

 

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleI film attesi nel 2023
Next article“Quando ti guardo” di Maria Cristina Adragna
Antonia Flavio nasce a Cosenza il 01/06/1977 dove attualmente vive con la famiglia. Autrice di: "La mia vita i miei amori racchiusi in una poesia", "Echi del mare" e "Diario Bruciato" . Presente su Wikipoesia. L' 8 gennaio del 2020 è stata inserita nell' Albo D'oro dei Poeti, Scrittori ed Artisti Contemporanei Italiani di Cefalù Art. Inserita nell'Albo dei Poeti del comune di Lucito. Iscritta all'Albo dei Poeti e Scrittori italiani. Iscritta all'associazione Cenacolo Letterario Italiano città di Cefalù. Iscritta all' Accademia Mondiale della Poesia. Iscritta presso Associazione socio culturale "Club della poesia" città di Cosenza. Iscritta all'Associazione Culturale GueCI. Iscritta all'Associazione Culturale RDP di Messina. Iscritta ad Accademia Edizioni ed Eventi ETS di Roma. Autore su ScrepMagazine. Vincitrice di numerosi concorsi letterari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here