Intervista a Giampietro Melis

234432
Intervista a Giampietro Melis che ci presenta THE WORLD OF DREAM DUST 
The World Of Dream Dust è il primo romanzo breve di genere Fantasy-Storico-Religioso, scritto da Giampietro Melis.
In questo libro viene spiegato come “l’autore”, sia in realtà un “Antico”, uno dei 144000 antichi esistenti che in passato sono stati definiti in tanti modi, tra i quali “Santi”, “Profeti”, “Reali”, “Unti”.
Gli Antichi dall’inizio dei tempi ad oggi hanno contribuito alla creazione di tutto attraverso Dio, partecipando in maniera diretta anche alla stesura della Sacra Bibbia, del Corano, del Pentateuco e di tutti i libri sacri scritti nella storia; sono stati inoltre presenti in modo costante durante tutte le epoche storiche più importanti ed hanno contribuito ed osservato l’evolversi dei secoli.
THE WORLD OF DREAM DUST è “il manifesto” di un nuovo movimento, il primo libro di una lunga serie con questo marchio, (registrato) che darà il via al nuovo Rinascimento Artistico Mondiale.
– Come nasce l’idea di scrivere The World Of Dream Dust? 
L’idea nasce da una necessità, dalla necessità di riunire tutti i Dreamers, i Sognatori menzionati nel libro, al fine di aiutarli e supportarli nell’esprimere appieno il loro potenziale e di costruire insieme a loro un mondo nuovo, dove tutti ci sforziamo di vedere oltre le apparenze, dove le diversità ci uniscono anziché dividerci, dove l’arte è davvero libera di raccontare e ricercare.
– Ci descriva i Dreamers, che appaiono nel romanzo? 
I Dreamers o Sognatori, hanno una spiccata creatività, sono molto sensibili e faticano a conformarsi alle opinioni, agli usi prevalenti, alle mode, spesso sono scrittori, pittori, scultori, autori, musicisti, cantanti, ballerini, tatuatori, poeti…. ma non solo, chiunque mostri una spiccata curiosità in qualunque materia e tenda ad uscire dagli schemi, chiunque veda le cose o cerchi di vedere le cose in modo alternativo rispetto alle masse, potenzialmente è un Dreamers.
Ho conosciuto uomini di scienza con spiccate doti artistiche e sedicenti artisti con visioni limitate, quindi oserei dire che chiunque può essere un potenziale Dreamers.
– Quanto é importante sognare, secondo lei? 
In realtà sognare non solo è importante ma è fondamentale per le nostre menti e per il nostro organismo, l’immaginazione è ampiamente sottovalutata ai giorni nostri, è uno dei nostri sensi e purtroppo spesso lasciamo che si intorpidisca.
L’immaginazione ha plasmato tutta la storia dell’umanità per come la conosciamo, ogni civiltà.
L’immaginazione è l’occhio della nostra mente, grazie ad esso possiamo organizzare la nostra vita, le nostre abitudini e pianificare dalle più piccole abitudini quotidiane alle più grandi ed epiche imprese. Proprio per questo è importante spronare ed aiutare chi è in grado di utilizzarla facilmente. Ricordiamo che le idee più geniali ed innovative arrivano solo mediante l’immaginazione, mediante un sogno ed oggi abbiamo bisogno di soluzioni ed idee geniali per poter salvare il nostro mondo sotto molti aspetti.
– Perché dovremmo credere all’esistenza di personaggi come i giganti, i vampiri, le streghe? 
Io mi chiedo perché non dovremmo crederci? Secondo le stime di Pew Research Center, un centro di analisi statunitense che mappa il credo nel mondo, l’ 84% della popolazione mondiale si identifica con un gruppo religioso. Ognuna di queste religioni ha numerosi punti in comune con molteplici altre religioni. Questo accade perché ogni cultura ed ogni credo che vengono  tramandati nei secoli passano attraverso una serie di elementi contaminanti,
E si dividono, ne nascono di nuovi e così quella che in origine era una verità confutabile, più passa il tempo e più diventa una dottrina piena di dogmi, magari in gran parte basata su concetti importanti ma per altri versi non comprensibile.
Allora come si fa a riconoscere la verità? Attraverso la storia, la pazienza, la ricostruzione, il confronto e l’apertura mentale. Il passaggio attraverso la storia di streghe, giganti e vampiri è documentato. Ci vuole il tempo e la costanza per raccogliere ogni informazione esistente, catalogarle, valutarle e discuterle. Pensa alle numerose antiche tombe dei giganti sparse nel mondo ed in gran parte concentrate in Sardegna, oppure si può riflettere sui sanguinosi crimini compiuti dalla chiesa contro le streghe.
Ogni creatura, ogni storia su di esse contiene alcune verità e molte fantasie e leggende, un lavoro attento e meticoloso, con il tempo può aiutare a ricostruirne le origini; questo è utile per chi non ha conoscenze dirette o esperienze reali in merito. Noi attraverso il nostro progetto vogliamo creare anche un gruppo di studio molto ampio dedicato alla ricerca e al confronto e questo vale per qualunque tipo di creatura considerata mitologica o magica.
– Leggendo questo romanzo ci viene in mente subito una domanda: il bene e il male esistono davvero? 
Il bene e il male non solo esistono ma sono le due forze che muovono tutta l’umanità e non solo.
Ovunque ti giri puoi trovare un simbolo una usanza un edificio legato all’eterna lotta tra il bene ed il male. Solo in Italia abbiamo oltre 100.000 chiese cattoliche, senza contare tutti gli altri luoghi di culto. Pensa alla loro storia, a come sono state costruite a chi ha lavorato per erigerle. I più grandi luminari della storia e le più imponenti culture e civiltà si sono adoperati per raccontare il bene ed il male; Buddismo,Taoismo, Confucianesimo, Islamismo, Ebraismo e Cristianesimo sono solo piccoli esempi delle migliaia di religioni che raccontano il bene ed il male.
Solo questo potrebbe bastare a confermarne l’esistenza. Tutto quello che noi possiamo immaginare, può essere reso reale.
– Cosa verrà dopo The World Of Dream Dust?
Vi sono in cantiere numerosi progetti, alcuni legati ai nuovi libri che usciranno nei prossimi anni ed altri legati all’organizzazione di eventi come ad esempio il primo di una serie di festival artistici internazionali, in cui vi saranno sia numerose esibizioni delle più svariate arti che competizioni. Sto ricevendo interesse e proposte di collaborazione non solo dall’Italia ma da tutto il mondo e questo è motivo di entusiasmo. Ora abbiamo creato la colonna sonora del libro,  anch’essa denominata The World Of Dream Dust e stiamo girando il videoclip in un Borgo medioevale meraviglioso dove sorge un Maestoso ed imponente castello.  Siamo molto felici che le numerose amministrazioni comunali che vogliono promuovere i loro antichi borghi stiano prendendo contatti con noi per aiutarle a valorizzarli. Soprattutto siamo felici di farlo partendo dall’Italia e dalla provincia di Piacenza dove sorgono i famosi castelli del ducato di Parma e Piacenza.

L’Italia è la patria dell’arte e non vi è posto migliore per raccontare il mondo di The World Of Dream Dust.

Angela Amendola 
Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:
https://screpmagazine.com/fabrizio-e-tornato/

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here