Il prezzo di una vita

117742

“Il prezzo di una vita- I sold my life for ten thousand yen per year” è un manga seinen (termine giapponese che indica genericamente un uomo adulto non ancora indipendente o non ancora integrato nel mondo del lavoro, di solito utilizzato per gli universitari e i giovani uomini) di genere drammatico e sentimentale scritto da Sugaru Miaki e disegnato da Shouichi Taguchi, basato sulla light novel dello stesso Miaki intitolata “Tre giorni di felicità”. La storia, pubblicata in Giappone tra il 2016 e il 2017, è divisa in tre volumi.

Kusunoki è un ragazzo di vent’anni che passa le giornate nell’apatia più totale, insoddisfatto della propria esistenza: non è riuscito a trovare l’amore e tantomeno a realizzare i suoi sogni. A causa della mancanza di denaro, decide quindi di vendere i suoi tanto amati CD e libri, che finora lo hanno sempre reso felice e che gli hanno permesso di non pensare al mondo circostante.

Il giovane, dopo aver parlato con i negozianti, viene a conoscenza di un misterioso negozio in cui è possibile vendere la propria vita, il proprio tempo o la propria salute in cambio di soldi.

Convinto di non avere davanti a sé anni degni di essere vissuti e perciò un’esistenza disastrosa e insensata, decide di dar via gran parte della sua vita, tenendo per sé soltanto tre mesi e ricavando l’esigua cifra di trecentomila yen.

Ciò che però non sa, è che il tempo rimanente fino a tre giorni prima della sua morte dovrà trascorrerlo 24 ore su 24 con una “sorvegliante”, Miyagi, una sua coetanea con il compito di evitare che lui, preso dalla disperazione, possa compiere atti estremi o violenti nei confronti delle altre persone.

I due, inizialmente molto distanti, cominciano ad aprirsi e a passare insieme momenti indimenticabili. Kusunoki, inoltre, stila una lista dei suoi ultimi desideri da realizzare prima di morire, come ad esempio incontrare la sua amica di infanzia Himeno, con cui da piccoli si sono scambiati una promessa: se prima dei trent’anni non avessero trovato l’amore, allora si sarebbero dovuti sposare.

La vita del giovane, perciò, è cambiata drasticamente in poco tempo, letteralmente da un giorno all’altro: cosa succederà nei suoi ultimi tre mesi? Riuscirà a trovare la felicità oppure affonderà di nuovo nell’impassibilità? Come si può vivere pienamente in un periodo così limitato?

 “Come può una persona che non riuscirà a combinare nulla in trent’anni…cambiare in soli tre mesi?”

“Nel dormiveglia pensavo: quanto mi sta salvando la presenza di Miyagi? Quanto mi sentirei con le spalle al muro, se lei con fosse con me?”

“Anche dopo che saranno passati decenni dalla tua scomparsa, mi ricorderò sempre dei giorni passati con te.”

Il prezzo di una vita” è un manga che ho deciso di leggere alla cieca, basandomi soltanto sull’istinto che continuava a ripetermi che sarebbe stata una storia stupenda e…aveva decisamente ragione!

In Italia i tre volumi sono stati pubblicati da J-pop (una vera garanzia!), venduti in un bellissimo cofanetto e con delle copertine che mi hanno fatta assolutamente impazzire (anche i disegni, molto belli)!

D’altro canto, Kusunoki è un ventenne con una vita monotona e triste e che detesta la sua esistenza, convinto che non avrebbe mai realizzato nulla di buono. Ironicamente, però, la sua disperazione gli ha concesso di trovare la vera felicità grazie al tempo trascorso con la sorvegliante Miyagi, di cui poi si innamorerà.

Avendo ormai solo tre mesi rimasti, il giovane cerca di aggrapparsi a ogni bel momento, alla speranza che qualcosa potrebbe cambiare e che magari la sua vita non è così terribile come pensa: incontrerà la sua amica d’infanzia Himeno e anche un altro ragazzo con cui parlava alle superiori, ma senza alcuna soddisfazione.

Miyagi, apparentemente indifferente, svolge il proprio ruolo in quanto costretta a saldare un grosso debito sociale della madre, ma in realtà è molto dolce e simile a Kusunoki, nonostante sia una ragazza solitaria, tranquilla e silenziosa. Durante la lettura verrà poi rivelato altro su di lei che, assieme al protagonista, è davvero un ottimo personaggio.

Il tema principale del manga è la vita: quanto vale? Ha un prezzo? Cos’è che la rende veramente degna di essere vissuta?

Insegna che, alla fine, le piccole cose sono le più importanti: ogni momento, ricordo, una persona, una passione, tutto può regalare qualcosa di speciale a cui sostenersi quando il resto sembra inutile e insensato.

Non va sprecato mai nulla: siamo solo noi a decidere come vivere e come arricchire le nostre esperienze.

Kusunoki, infatti, ha deciso di godersi appieno i suoi ultimi “tre giorni di felicità”, non più da solo in una casa e dimenticato da tutti, ma ricordato anche da altre persone e soprattutto assieme alla sua amata Miyagi, la ragazza che, in soli tre mesi, è stata in grado di fargli apprezzare il vero valore della vita che, si sa, è…inestimabile.

Storia breve ma intensa e di delicata riflessione: la vita è sempre degna di essere vissuta e non importa come. Un giorno arriveranno sempre delle persone che la stravolgeranno, cambiandoti, segnando la propria strada e rendendola un’avventura da non perdere poiché, proprio come nel caso di Kusunoki, ciò che è prezioso non va mai lasciato andare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here