“Andando e stando” di Sibilla Aleramo

192296

Andando e stando” è un libro di Sibilla Aleramo, poetessa e scrittrice della prima metà del novecento, divenuta molto famosa per il suo primo romanzo “Una donna“.

Si tratta di una raccolta di articoli, saggi, impressioni, già pubblicati in opere precedenti, che qui acquistano un valore diverso, essendovi presente una organicità tale da trasmettere un importante e partecipato spaccato socio-culturale degli anni che più o meno vanno dal 1910 ai primi anni ’50 del secolo scorso.

Sibilla scrive di se stessa, della scoperta della poesia e del suo sentirsi poetessa.

Tratta con partecipazione e passione della situazione della donna e dell’urgenza di trovare una strada e uno stile di comunicazione, indipendente da quello maschile, e ancora parla delle sofferenze della prima guerra mondiale subite dal popolo, dei suoi amori, degli incontri importanti tra i quali spicca D’Annunzio e Stefan Zweig, dei quali riuscì a cogliere l’aspetto più intimo e umano.

Se la prosa può risultare poco moderna, già per i tempi, lontana, per esempio, dalla modernità, direi rivoluzionaria, della prosa di Italo Svevo, è, però, da apprezzare, la ricchezza delle situazioni narrate e descritte, il senso critico, il saper rendere il vissuto della scrittrice stessa, dando al lettore una impressione di vicinanza ai fatti raccontati.

Un altro aspetto importante, sta nella vivacità intellettuale che si traduce nel “colore”, vale a dire che l’Autrice riesce a trasmetterci i cromatismo dei luoghi, delle emozioni, delle sensazioni.

Andando e stando“, potrebbe uscire dal suo “status” di libro di nicchia e meriterebbe una dimensione più popolare.

I contenuti potrebbero essere interessanti spunti di riflessione ai nostri giorni.

I tempi potrebbero essere pronti.

Tommaso Cozzitorto

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleConferenza stampa film Basileia
Next articleLei mi parla ancora
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here