Anche noi siamo fuori di testa… ma diversi da loro

239010

Mi e Vi chiedo ma questa Umanità è “fuori di testa”?

Anche io lo sono ma “diversi da loro”…

Ho deciso.

Domani mando un email (non una ma un perché email è maschile) a INVITALIA e la invito a “creare” una misura di finanziamento ad hoc a sostegno di chi vuole aprile una Srl di mercenari.

Capito bene.

Voglio anche io un esercito personale e di almeno 100.000 uomini.

Tanto me la cavo con massimo 1.800,00 euro al mese, stipendio del “più alto in grado”.

E visto che Wagner come nome è “già preso”, magari uso i “Verdi” oppure i “Rossini”… uhm … ma a prima impressione questi nomi non terrorizzano.

Meglio “il sanguinario esercito dei Leoncavallo”…

Solo che però la missione dei “Leoncavalli” sarà quella di andare in giro per il mondo a fare piazza pulita di tutti i “deficienti” che a pagamento, al soldo dei “vari Prigozhin” passano il loro tempo a giocare alla guerra!

Ma vi rendete conto…al mondo esiste uno che se una mattina gli gira, manda i suoi scagnozzi e invade – per dire – la Basilicata!!!

E chissà cosa ha ottenuto per “fermare la sua marcia su Mosca”… che pure Mosca come nome… e il Cremlino … (pare un ghiacciolo) … mah!

Vuoi mettere … il Quirinale???

Comunque non so voi ma io penso che in questa Umanità sono tanti, troppi “i fuori di testa”!

Chi invade, chi ammazza donne con in grembo il proprio figliolo, chi gioca coi macchinoni e le storie su Instagram e poi ammazza ragazzini di cinque anni, l’ennesima “Cataleya” che scompare a quarant’anni da una certa Manuela Orlandi e, ciliegina sulla torta, cinque “personaggi” se ne vano giù a circa 3800 metri sotto il livello del mare, pagando circa 660 euro al metro (in totale 250.000 dollari cadauno), chiusi dentro ad un oggetto che sembra un soppostone, una cisterna di quelle usate come riserva d’acqua!

Ma dai!

A 3800 metri sotto al livello del mare la pressione è circa 380 volte quella al livello del mare.

Questo vuol dire se sul finestrino della mia auto, mentre scorrazzo sulla costiera Amalfitana, l’aria ed il vento esercitano la pressione di un chilo, a quella profondità sul mio finestrino ci sarebbe parcheggiata l’equivalente di una Mazda 360 … facile che il vetro si rompa a meno che quel finestrino non faccia parte di un veicolo costruito con tecnologie militari.

In ogni caso, magra consolazione, “non se ne sono accorti nemmeno”.

Implosione ed esplosione il tutto nel giro di qualche millesimo di secondo.

Eppure ci sarebbe tanto da fare…magari invece di spendere più di un milione di dollari per morire a 3800 metri sotto al livello del mare, meglio usare quella cifra non per creare “il sanguinario esercito dei Leoncavallo” ma una bella impresa mondiale di pulizie…capito bene…di pulizie: MondoLindoSpA!

Infatti le nostre città sarebbero decisamente più pulite se tutti facessimo la raccolta differenziata e se ci fossero schiere di “uomini in divisa verde, i LindoMan” a dare botte di scopa in testa a chi sporca per strada.

E senza arrivare a tanto, magari tu che leggi fai come gli “Angeli del Fango” o come me, porta con te sempre un paio di guanti usa e getta e se hai tempo prova a raccogliere le cartacce, i mozziconi di sigaretta o qualsiasi cosa la gente abbia deciso di abbandonare per strada.

E ancora per esempio…sii gentile, fai qualcosa per gli altri.

Gli enti di beneficenza e i gruppi della comunità sono sempre alla ricerca di volontari.

Molte organizzazioni semplicemente non potrebbero andare avanti senza che le persone rinuncino gentilmente al loro tempo libero per dare una mano. Non solo andrà a beneficio della tua comunità locale, ma ti divertirai e incontrerai nuove persone.

Lascia il tuo posto sull’autobus, fai passare qualcuno nel traffico o quando apri una porta cedi il passo. Anche qualcosa di semplice come un sorriso e un allegro “grazie” può fare molto.

E dona il tuo sangue.

Donare il sangue è forse il gesto di gentilezza più bello e più impegnativo.

Certo non è per tutti, ma per molti. Ricordati che con il tuo sangue puoi aiutare fino a tre persone e che fa bene anche a te… ci scappa pure un controllino gratuito

E quante volte hai apprezzato il vestito di un amico, la pasta della mamma o il sorriso della panettiera e non hai detto nulla.

È il momento di manifestare chiaramente il proprio apprezzamento al diretto interessato.

Inoltre, devi sapere che quando la maggior parte di noi riceve un complimento, si attivano centri di ricompensa nel cervello.

Il nostro cervello reagisce ad un complimento nello stesso modo in cui reagisce ai soldi… e costa meno…non quanto fare una guerra o mantenere 50.000 “tizi in divisa” a libro paga, sfaccendati, in giro a violentare donne e ammazzare bambini!

Eh sì anche noi saremo fuori di testa…ma molto molto diversi da loro!

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Silvio e Francesco

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here