Ahi… l’amore!

119838

L’amore, insieme alla guerra è uno dei temi fondamentali della letteratura. L’amore contrastato, l’amore infelice rimane impresso in  modo indelebile nel cuore di chi legge o ascolta, fa innamorare dell’amore: Lancilotto e Ginevra, Tristano e Isotta, Paolo e Francesca che fanno commuovere a tal punto Dante da farlo svenire per l’emozione (“caddi come corpo morte cade”) e…l’elenco potrebbe essere lunghissimo.

Anche i motivi dell’amore infelice possono essere tanti: ceto sociale, religione, nazionalità …e di conseguenza miriadi sono  le storie che possono essere raccontate, come le stelle che brillano in cielo.

Oggi voglio invitarvi a leggere due romanzi che raccontano storie di amore non destinate al lieto fine, struggenti e malinconiche ma che lasciano il lettore pieno di emozioni e commossi come Dante nella Divina Commedia.

Thomas Hardy

Il primo ,“Nel bosco”, è uno dei romanzi meno conosciuti di Thomas Hardy, autore inglese del XIX secolo di grandi capolavori romantici come “Tess dei D’Uberville”, “Jude l’oscuro”, ”Via dalla pazza folla”.

Dorit Rabinyan

Il secondo, “Borderlife”, di un’autrice israeliana contemporanea, Dorit Rabinyan, è stato messo all’indice dal Ministero dell’istruzione d’Israele perché racconta una grande storia d’amore tra un palestinese e una israeliana ed è circolato clandestinamente.

Nel Bosco

Protagonisti il boscaiolo Giles Winterborne e Grace Melbury. Il padre di Grace ha sempre voluto che la figlia andasse in sposa al boscaiolo, per riparare ad un torto fatto al padre di Giles (gli ha soffiato la promessa sposa) ma nello stesso tempo manda Grace in collegio affinchè abbia un’educazione raffinata pensando anche alla possibilità che possa fare un matrimonio che faccia innalzare socialmente lei e la sua famiglia.

Così, tornata a casa, Grace disdegna il povero Giles ed il suo amore struggente e silenzioso e gli preferisce un giovane e bel dottore che sposerà. Ma quello che sembrava il lieto fine di una fiaba si rivelerà un incubo mentre Giles si voterà ad una vita solitaria nel suo bosco …

Bluebell foresta

Ebbene sì, sono una inguaribile romantica e questo romanzo di Hardy è sicuramente un piccolo gioiello: la storia naturalmente di un amore sfortunato (come accade in quasi tutti i romanzi di Hardy), che si svolge nel bosco ed ai suoi margini, dove la natura è uno dei protagonisti della storia  insieme alle passioni e al dolore degli uomini… Struggente quanto incompiuto e insoddisfatto l’amore dei protagonisti eppure così veritiero e forse attuale: anche oggi spesso l’amore si piega al calcolo e al vile denaro, i perdenti stanno all’angolo a guardare mentre i vincenti se ne vanno trionfanti con la loro preda.

Borderlife di Dorit Rabinyan

Liam, israeliana di Telaviv, vive temporaneamente a New York grazie ad una borsa di studio, Hilmi è un pittore palestinese di Ramallah che vive da quattro anni nella Grande Mela e dipinge spesso un bambino che sogna il mare… Si incontrano per caso ed è amore a prima vista, un amore travolgente e passionale.

New York

Ma appartengono a due popoli diversi, perennemente in guerra e nonostante tutte le cose in comune, la musica, il cinema,  la nostalgia per la propria terra sanno che non potranno mai vivere il loro amore alla luce del sole, non potranno mai parlarne alle loro famiglie e quando arriverà il giorno del ritorno in patria, sarà la fine della loro storia.

E se non avesse nulla a che vedere con la terra?
Rabbrividisco nel suo grembo. Quale terra?
Quella per cui gli ebrei e arabi combattono da tanti anni” – continua con gli occhi chiusi e un’ombra di sorriso amaro sulle labbra – “Se invece riguardasse esclusivamente il sole, tutta questa guerra?” – Sembra sbigottito, quando bisbiglia: “Guarda tu, una guerra per il sole. Che roba…”

Una storia d’amore tra una ragazza israeliana ed un ragazzo palestinese, una storia nata lontano dal loro comune paese, in una New York colorata, allegra e cosmopolita e destinata a finire, un amore con la data di scadenza, come un pacco di Corn Flakes.

Una bellissima, poetica e straziante storia d’amore alla cui fine da tragedia shakesperiana il lettore è preparato, perché incombe dalla prima riga e si conclude nel mare di Telaviv, quel mare soggetto dei dipinti di Hilmi

Spiaggia di Telaviv
Previous articleL’estate nei ricordi
Next articleGangs of London: una serie action intelligente
Sono Maria Fiorenza Virgallito, professoressa di italiano e storia in un istituto tecnico. Sono nata a Matera, cresciuta a Torino, vivo da più di trent'anni a Roma: insomma, radici meridionali, rigida impostazione piemontese stemperata da un pizzico di allegra romanità. Convinta di fare il lavoro più bello del mondo, “sempre in trincea” per cercare di far appassionare i ragazzi alla lettura, al cinema e al teatro. Sono una lettrice onnivora e scrittrice sporadica. In realtà sognavo davvero di fare la scrittrice ma poi, come la mia eroina Jo March di "Piccole Donne", ho lasciato il mio sogno nel cassetto e sono diventata per scelta e non per ripiego un'insegnante. Con ScrepMagazine posso far sì che il mio sogno esca finalmente dal cassetto per volare tra le pagine di un giornale di qualità che fa cultura sul web. In fondo il mio motto è "La cultura è il mondo".

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here