“Viandanti” di T. Cozzitorto

139750
Come i tasselli di un grande mosaico che si staccano e cadono giù, alcuni lentamente altri velocemente, alcuni senza far rumore altri con un tonfo pesante sul pavimento, allo stesso modo avvengono i repentini cambiamenti intorno a noi quando persone a noi care ci lasciano per intraprendere il viaggio verso altre dimensioni, oltre il limite che per noi che restiamo, rimane e rimarrà un mistero.
La precarietà della vita si incontra e si scontra con un vortice, se analizziamo un attimo, dopotutto lineare ed essenziale.
È un passaggio, pur intriso di inconoscibile, tuttavia senza sbavature e sfumature, si oltrepassa il confine, punto.
Non ci sono biglietti di ritorno, non sono ammessi ripensamenti, avviene una vaporizzazione dell’essere mortale, per cui unica tangibile realtà sono da considerarsi i ricordi da parte di coloro che temporaneamente rimangono al di qua.
Forse non bisognerebbe aver paura delle nubi né delle ombre, forse la notte potrebbe farci comprendere questa tragedia senza catarsi, forse è proprio la notte che ci dona il coraggio di affacciarci al mattino e vivere e credere nei giorni che si susseguono, nonostante i tasselli del mosaico uno ad uno continuino a cadere con inesorabile costanza.
La vita è la nostra cornice, sopravvive a noi, ci oltrepassa dopo averci sfiorato e ci accompagna fino al cancello dell’eternità, poi, da soli ci incamminiamo… Voyageurs, Wayfarers, Caminantes, Wanderer.

Tommaso Cozzitorto

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleLa mia intervista al Professore Giuseppe Remuzzi
Next articleSven Richard Berghe (parte prima)
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here