Un ricordo di Totò, il Principe della risata

111614

Oggi vorrei ricordare Antonio De Curtis, in arte Totò.

Il ‘Principe della risata’  morì nella sua casa romana alle 3:35 del 15 aprile 1967, all’età di 69 anni, stroncato da un infarto.

Durante i suoi funerali a Napoli l’intera città si bloccò dalle 16 alle 18:30.

I negozi furono chiusi, il furgone impiegò due ore per raggiungere la chiesa. 

Un mare di persone si riversò in strada per salutare il comico più amato dagli italiani.

L’orazione in chiesa fu tenuta da Nino Taranto, grande amico del Principe; ve la propongo perché esprime a pieno l’affetto che legava i due amici:

Sono certo che mi senti e mi rispondi, la tua voce è nel mio cuore, nel cuore di questa Napoli, che è venuta a salutarti, a dirti grazie perché l’hai onorata. Perché non l’hai dimenticata mai, perché sei riuscito dal palcoscenico della tua vita a scrollarle di dosso quella cappa di malinconia che l’avvolge. Tu amico hai fatto sorridere la tua città, sei stato grande, le hai dato la gioia, la felicità, l’allegria di un’ora, di un giorno, tutte cose di cui Napoli ha tanto bisogno. I tuoi napoletani, il tuo pubblico è qui, ha voluto che il suo Totò facesse a Napoli l’ultimo “esaurito” della sua carriera, e tu, tu maestro del buonumore questa volta ci stai facendo piangere tutti. Addio Totò, addio amico mio, Napoli, questa tua Napoli affranta dal dolore vuole farti sapere che sei stato uno dei suoi figli migliori, e che non ti scorderà mai. Addio amico mio, addio Totò”. 

Totò, oltre ad essere attore illustre, si dilettava a scrivere poesie in napoletano.

Vi propongo questa “Zuoccole, tammorre e femmene”, che Totò dedicò alla sua amata Napoli. Non ha bisogno di essere tradotta in italiano, le sue poesie, (come i suoi film) sono internazionali, comprese e amate da tutto il mondo…

Zuccole, tammorre e femmine

Tutte hanno scritto ‘e Napule canzone appassiunate,
tutte ‘e bellezze ‘e Napule sò state decantate:
da Bovio a Tagliaferri, Di Giacomo a Valente;
in prosa, vierze e musica: ma chi po ddi cchiù niente?
Chi tene ‘o curaggio ‘e di’ quaccosa
doppo ca sti puete gruosse assaie
d’accordo songo state a ddi una cosa:
ca stu paese nun se scorda maie.
Sta Napule, riggina d’ ‘e ssirene,
ca cchiù ‘a guardammo e cchiù ‘a vulimmo bbene.
‘A tengo sana sana dinto ‘e vvene,
‘a porto dinto ‘o core, ch’ aggia fà?
Napule, si comme ‘o zucchero,
terra d’ammore – che rarità!
Zuoccole, tammorre e femmene,
è ‘o core ‘e Napule ca vò cantà.
Napule, tu si adorabile,
siente stu core che te vò di:
“Zuoccole, tammorre e femmene,
chi è nato a Napule nce vo murì”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here