Tristezza d’autunno

246217

Con l’arrivo dell’autunno avverto sempre come una sorta di smarrimento, un sentimento difficile da definire.

Mi sento come una bimba piccola a cui hanno sottratto il giocattolo per cui dovrà fare i conti con questa mancanza dolorosa.

Alla fine, non rimane solo tristezza e malinconia, ma c’è tanta nostalgia per tutto ciò che non è più.

Tutti aspettano che da un giorno all’altro l’aria rinfreschi, mentre io vorrei che ritornasse il caldo.

Tutti non vedono l’ora di fare lunghe passeggiate lungo viali alberati coperti di foglie ingiallite, sono felici di salutare le rondini che cercano nuovi lidi.

Io, invece, vorrei trovarmi ancora con i piedi in acqua, con il sale sulla pelle, vorrei passeggiare sulla riva del mare, mentre il sole si nasconde all’orizzonte, per ammirare in quella magia crepuscolare agostana il volo basso dei gabbiani in cerca di cibo.

Sarà anche tempo di vendemmia e tutti non vedono l’ora di sentire l’odore delle caldarroste, di mangiare noci, cachi e melograni Mentre io ancora al supermercato cerco l’anguria.

Se chiudo gli occhi immagino di correre in un verde campo di grano con papaveri, girasoli a godere di questa natura festosa pronta ad accogliere la bella stagione.
Vorrei che l’estate non finisse mai.

Tutti dicono da sempre che l’autunno sia la stagione delle ripartenze, la stagione in cui ogni cosa torna al proprio posto.

Io non voglio ripartire, non voglio andare da nessuna parte, non ci penso a ritornare.
Sto così bene dove sono!

Vorrei sempre restare dove sono felice, quando con me ho tutto ciò che mi occorre per continuare a sognare.

Piera Messinese

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

In nomine Patris…

Previous articleA “Libri, Arte e quant’altro arricchisca l’Anima” Grazia Giordano    
Next articleI diversi aspetti delle contestazioni giovanili
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here