Trionfo per lo stilista Anton Giulio Grande a Milano nelle giornate dedicate alla Moda

228649

È stato un successo di stampa e di pubblico la sfilata della nuova collezione dello stilista Anton Giulio Grande a Milano, nelle giornate dedicate alla Moda.

La couture di ANTON GIULIO GRANDE elabora nuovi codici per infondere la
propria visione personale della collezione, reinventando capi iconici in chiave
odierna, realizzati in pelle.

Un’osservazione che ribadisce la regola fondamentale della moda fatta di esclusività e ricercatezza, filtrata da una rilettura contemporanea.

Per leggere la sua couture, è importante capire che ANTON GIULIO GRANDE non si è mai fermato in superficie, non si è mai accontentato, cercando di raggiungere il massimo dell’opulenza in ogni suo dettaglio.

Capi unici amati dalle star di tutto il mondo, che amano indossarli riuscendo a farli vivere. Infatti il suo lavoro è stato etichettato come spettacolare.

Per questa collezione ANTON GIULIO GRANDE rivisita gli archivi, un patrimonio infinito che gli ha permesso di plasmare una nuova identità, riuscendo anche questa volta a proporre capi esclusivi in pelle, scardinando le convinzioni della couture “convenzionale”.

Ciò che ne esce è una nuova moderna eleganza con giacche di pelle e bomber elaborati con frange, borchie e swarovski da sovrapporre a gonne lunghe e vaporose.

Lo stilista calabrese si e’ affermato nel mondo dell’alta moda internazionale dopo aver studiato presso l’Università della moda “Polimoda di Firenze” e successivamente al Fashion institute of technology di New York.

Anton Giulio, si esprime oggi con la sua inventiva più alta, la creatività e il talento capace di esaltare e valorizzare la vera essenza femminile.

Recentemente è stato insignito della carica di Commissario  per la Italian  Film Commission, della   Regione Calabria che  ha scelto di affidarsi allo stilista di origine lametina, dopo la fine dell’incarico di Minoli, ex direttore di varie reti Rai e produttore di programmi come “Mixer” o “La storia siamo noi”, che si è ufficialmente congedato nel gennaio dello scorso  scorso.

Un  istituzione che ha lo scopo di valorizzazione identità artistiche nella sua dimensione contemporanea, attraverso narrazioni, luoghi e scenari capaci di veicolare l’attuale immagine della regione.

 

Previous article“a tu per tu con…” Antonio Brusa e Lucia Boschetti
Next articleUn addio silenzioso
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here