So soltanto che mi piace tanto

241140

La vita di ciascuno di noi è segnata da momenti che non si presentano mai uguali a se stessi. Perché tutto rientra nella grande variabilità della nostra esistenza.

Le cosiddette fasi della vita.

Questa è per me la fase in cui mi ritrovo particolarmente tollerante, accomodante, paziente, ma, al contempo, non mi lascio facilmente infastidire, cerco di trincerarmi dietro una corazza più sostenuta.

Sono sempre pronta a confrontarmi con me stessa e con gli altri, mantenendo però un provvidenziale autocontrollo.

Ho maturato la consapevolezza che ci sono delle priorità nella mia quotidianità e sono quelle cose che si muovono sotto la mia costante e vigile attenzione.

Voglio vivere di queste cose. Voglio dedicarmi, come si suol dire anima e corpo, a tutto ciò la cui mia presenza è necessaria.

Così mi lascio attraversare da una infinità di situazioni che mi scivolano addosso pur potendo minacciare il mio equilibrio.

Non esiste nessuna mia partecipazione emotiva.

Questo non è uno stato di grazia.

A dire il vero, non mi importa neppure conoscere il motivo di tale disposizione di animo.

So soltanto che mi piace tanto.

Piera Messinese

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Non chiedermi

Previous article“a tu per tu con…” Donatella Moretti
Next articleLe foto misteriose di Roberta. Parte seconda
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here