Semplicemente Giulia (Parte 3a)

219297

Per leggere la puntata precedente clikka sull’immagine qui sotto:

Semplicemente Giulia (Parte 2a)

…Vittoria, la nuova arrivata, portò una ventata di freschezza nella famiglia Coppola.

I primi anni furono splendidi, ma Speranza,  purtroppo, cominciava a sentire il peso della famiglia dovendosi occupare della casa e dell’educazione delle figlie che crescevano, ed erano sempre più esigenti.

Purtroppo i tempi non erano fra i migliori e adesso che la famiglia si era incrementata, a stento riuscivano a sopperire alle spese della casa, motivo per cui, Speranza cominciò a lavorare in proprio, riprendendo  il lavoro di sarta che aveva svolto prima di sposarsi.

Per fortuna le figlie maggiori, ormai cresciutelle, si alternavano con la loro mamma per accudire la piccola Vittoria.

Gennaro era sempre in giro per lavoro, ma a fine giornata, quando rientrava in casa, malgrado fosse stanco, era felice di stare nel proprio focolare con la famiglia riunita.

Egli era un brav’uomo dedito al benessere dei propri cari, ma oltre ai pregi, aveva anche qualche difetto, era molto severo con la moglie e le figlie, aveva il vizio dell’alcol e bestemmiava con molta facilità.

 Nessuno doveva osare contraddirlo, soprattutto quando era in preda all’alcol, altrimenti c’era il rischio che alzasse le mani senza escludere nessuno.

Era un uomo all’antica e non accettava che la moglie lavorasse, motivo per cui, spesso litigavano mettendo in soggezione anche le figlie. 

Ma ciò che accentuava di più le sue preoccupazioni, il pensiero che il buon Dio gli avesse dato quattro figlie femmine che richiedevano più responsabilità di un figlio maschio…

Era una famiglia come tante… Purtroppo in quegli anni era quasi normale vivere in quelle condizioni, soprattutto al centro sud, in cui la mentalità era meno emancipata rispetto alla “gente del Nord”…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Paura dell’abbandono

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here