Sbaglio ma scelgo io quando…

111432

A volte, alcune scelte appariranno insensate.

Cercheranno di convincerti che stai sbagliando.

Non importa…

L’importante è abbiano senso per te.

Quando attraversi un ciclone, le onde,

se pur alte, ti fanno solo sorridere.

Hai ben saldo il timone:

la tua rotta è ben chiara!

Niente ti spaventa perché a decidere

 sei sempre e comunque tu!

E’ questo il problema delle donne forti,

orgogliose e con dignità da vendere:

non le barattano con niente e per nessuno!

Non piangono mai…

Quando lo fanno, è perché sono allo stremo.

Se quelle lacrime sono ingiuste,

non ne verseranno più per te…

Ognuna di esse le allontana, le corazza,

portandole in un mondo dove nessuno entrerà più.

Quando inizi a non farti troppe domande inutili,

cercare spiegazioni che non si possono avere,

lasci scorrere il tempo in modo migliore,

a sorridere di gioia per ciò che fu e che sarà…

Crescendo ci si imbianca.

Eppure anche i paesaggi innevati hanno il loro fascino.

Comprendi che ogni colore,

così come ogni fase della vita,

ha la sua importanza.

Soprattutto ti insegna che alcune scelte,

se tue e soltanto tue, pur sbagliate,

ti avranno lasciato addosso qualche cicatrice ma…

non portano il peso del rimpianto!

MARIA LUANA FERRARO

Previous articlePensieri in un tempo sospeso
Next articleTiziano Vecellio (parte quarta)
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here