Ozark: su Netflix la terza stagione

115688

La famiglia Byrde è tornata su Netflix con la terza stagione della serie tv Ozark. 

Marty ( Jason Bateman) è un contabile apprezzato e vive a Chicago insieme alla moglie Wendy e i suoi due figli. Il suo socio in affari viene ucciso da Navarro, un grosso trafficante di droga, e Marty  si  trasferisce nella cittadina di Ozark nel Missouri. Qui inizia una nuova vita, costretto a riciclare il denaro per conto di Navarro.

La terza serie si apre con una cruenta guerra tra cartelli in Messico; Marty è impegnato a gestire il casinó insieme a Ruth Lang more ( Julia Garner) mentre la moglie Wendy ( Laura Linney) e la figlia Charlotte si occupano delle pubbliche relazioni e Jonah, il figlio quattordicenne, si arricchisce on line.

Marty è sicuramente il protagonista indiscusso di questa interessante serie targata Netflix, giunta alla terza stagione con grande successo e ottimo riscontro dalla critica. 

Anche le donne assumono però un ruolo decisivo con personaggi evoluti come Wendy( che si trasforma da nevrotica consorte in socia d’affari senza scrupoli), o come la temibile Darlene Snell, ( Lisa Emery) crudele e imprevedibile proprietaria terriera, o Helen Pierce, avvocato del cartello, fredda e calcolatrice.

Aldilà delle tematiche ovvie come quelle della famiglia e del conflitto tra bene e male, ambizione e conformismo sociale, Ozark utilizza molti trend delle serie tv degli ultimi anni ( primo fra tutti l’idea dell’ uomo medio catapultato in un contesto straordinario) ma se ne discosta poi assumendo una dimensione propria forte e personale.

Non ci si identifica sicuramente nella storia di Marty e nei suoi tentativi al cardiopalma di salvare sé stesso e la sua famiglia, ma certamente si finisce per fare il tifo per lui nonostante tutto e di seguire con passione ogni episodio.

Questa terza serie risulta ancora più avvincente e curata dal punto di vista tecnico, con una sceneggiatura che fa incastrare perfettamente ogni tassello con l’altro, dando respiro alla vicenda anche personale dei diversi personaggi. 

Jason Bateman ottimo nell’interpretazione dell maschera di Marty, mediamente apatico e apparentemente insensibile, ma bravi anche Laura Linney ( una Wendy glaciale) e la giovane Julia Garner, una straordinaria Ruth. Ottima serie che non ha nulla da invidiare ad un film vero e proprio. 

 Sandra Orlando

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here