Ore 12.00: le campane di Roma suonano a festa

111725

Campane a festa in tutte le Chiese di Roma adesso in questo preciso momento ore 12.00 di Domenica 12 aprile 2020.

Perché oggi è Pasqua, una Pasqua che non perde il suo valore anche se celebrata in modo intimo ma, se ci pensate bene, forse molto più intenso rispetto a tante altre volte!

Campane a festa per unirsi alla preghiera del Regina Coeli di Papa Francesco.

Questa l’iniziativa della diocesi per far risuonare ancora più forte il messaggio di speranza e di rinascita di questa Pasqua.

Ad annunciarlo Mons. Pierangelo Pedretti.

Ascolteremo il nostro Vescovo Francesco che darà l’annuncio e la benedizione del Signore Risorto alla città di Roma e al mondo intero!” – annuncia don Walter Insero, portavoce della diocesi e direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali del Vicariato di Roma – “Lasceremo che il suono prolungato delle campane di tutte le chiese di Roma suonate a festa, accompagni la preghiera del Regina Coeli, facendo risuonare in tutta la città un messaggio di resurrezione e di vita”.

Alle 19 infine, la Messa al Santuario della Madonna del Divino Amore, presieduta da Mons. Giacomo Morandi, segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede.

La Pasqua è la “Festa per eccellenza” densa di simboli: penitenza, purificazione, passione, morte e rinascita. ,

Una festa che da sempre si mescola alla fede dei popoli e a forti tradizioni locali che nel tempo hanno visto nascere una moltitudine di riti religiosi.

Da Nord a Sud, paesi e città, sia durante la Settimana Santa che nel giorno di Pasqua sono invasi da riti e feste popolari, rappresentazioni, sagre e tradizioni folcloristiche.

Ma adesso appare difficile se non impossibile immaginare tutto questo senza tenere conto del momento difficile che l’Italia tutta sta da tempo attraversando a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19.

In tempi assai incerti, accostarsi alla Pasqua vuol dire riscoprirne il significato originario fatto di rinascita e resurrezione. Tutto ciò può davvero essere il giusto viatico per affrontare in modo positivo le difficoltà che stiamo vivendo e guardare a una nuova primavera.

Quello che oggi – 12 aprile 2020 – rimane infatti, da Nord a Sud, è il proprio senso della “famiglia spezzata”, dell’assenza, del dolore.

Ecco allora il valore dell’assenza importante per riscoprire anche i simboli.

Le uova, simbolo di vita appena germogliata, introdotte in torte dolci e salate come elemento decorativo, utilizzate in diverse pietanze e riprodotte in cioccolato, per la gioia di grandi e di bambini.

Poi la colomba, simbolo di pace e salvezza, dolce la cui origine è avvolta nel mistero. Sembra risalire a tradizioni lombardo-venete, in particolare di Verona, ma ormai è amata, apprezzata e ricreata in maniera artigianale ovunque.

Tra i riti che celebrano l’uovo, caratteristico quello di Urbania (PU) col gioco “Punta e cul”, ispirato ad antiche usanze contadine.

La colomba è invece protagonista del celebre “Scoppio del Carro” a Firenze, che risale ai tempi della prima crociata. Un carro viene trasportato da buoi bianchi da piazzale del Prato fino al Duomo ed “un razzo dalle sembianze di un bianco piccione” incendia i fuochi d’artificio contenuti nel carro.

Se lo scoppio avviene in maniera perfetta l’anno sarà propizio.

L’agnello, altro simbolo della Pasqua che rimanda alla crocifissione di Gesù, in Sicilia è assoluto protagonista in pasticceria: quello reale viene realizzato con pasta di mandorle e ripieno di torrone gelato ai canditi o gianduia alle nocciole, mentre l’agnello di cedro, sempre a base di pasta di mandorle finemente lavorata, ha un ripieno di cedro candito e una lunga cottura in forno per fissarne al meglio sapore e profumi.

Esclusivamente messinese è il tronchetto pasquale preparato con morbido pandispagna e crema gianduia rifinito con agnellino al pascolo.

Un patrimonio di fede, tradizioni antiche e preziose.

La Pasqua di questo 2020, seppur differente rispetto agli anni passati, resta carica di simboli e significati, e diventa occasione di riflessione, solidarietà e rinascita oggi ancor più intensa.

E suonano le campane di tutte le chiese di Roma… Buona Rinascita Italia col messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella:

https://youtu.be/kxWOzXLk3pM

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here