La nostra vita è come un grande contenitore entro il quale noi raccogliamo tutto ciò che incontriamo sulla nostra strada.

Affetti più cari, amori felici, traditi, amici, confidenti, e poi desideri, sogni, paure, tormenti, delusioni, dolori, gioie, emozioni, fughe, ritorni, ricordi, mancanze, solitudini, silenzi, speranze.
Non ci sentiamo mai pronti a selezionare: sarà sicuramente un nostro limite!

Ragion per cui ci troviamo, spesso, ad avere tra i piedi anche cose di cui potremmo fare a meno.

A volte risulta così pieno questo contenitore che sembra non entrarci più nulla.

Eppure, a poco a poco, quasi senza accorgercene, come se si obbedisse ad una legge naturale, accade una cosa che si ripete con una certa periodicità, ossia inizia a svuotarsi perchè perdiamo dei pezzetti durante il viaggio.

E non sempre siamo disposti a lottare per trattenerli, a tornare indietro per recuperarli.

Vanno via e noi li lasciamo al loro destino senza muovere un dito perchè non esiste un buon motivo per tenerli legati.

Infatti non pare che ci rammarichiamo di tale migrazione e della mancanza con la quale dovremmo confrontarci nell’immediatezza. Lasciamo che tutto scorra…

A volte, invece, cerchiamo con tutte le nostre forze di non perdere questi pezzetti.

Combattiamo strenuamente, ma, nonostante il nostro impegno, nonostante tutti gli sforzi e le energie messe in campo, siamo costretti a cedere, nostro malgrado.

Così li seguiamo con lo sguardo finchè possiamo, quasi a sperare in un miracolo.

Forse tutto ciò fa parte del gioco della vita.

Ogni cosa insegue la sua stella.

Siamo fatti anche di privazioni e di pienezze.

E poi un giorno, quando oramai ci eravamo, per così dire, abituati ad aver perso già tante, troppe cose, incontriamo l’amore della nostra vita e subito ci rendiamo conto che è arrivato il momento di fare spazio.

Lo vorremmo nascondere, proteggere perchè abbiamo paura di perderlo.

Ma è in quel momento che realizziamo una meravigliosa consapevolezza:

non è vero che tutto scorre.

Ci sono cose che non passeranno mai, anche se le vedessimo svoltare dietro l’angolo e confondersi nel buio più fitto.

Saremmo certi che non le perderemmo mai di vista.

Piera Messinese

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui