“Nemmeno con un fiore” di Anna Maria Notaris

152321
La convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica firmata ad Istanbul (Turchia), l’undici maggio 2011, ed il relativo deposito degli strumenti di notifica di Andorra e Danimarca, ne ha consentito la sua entrata in vigore il primo agosto 2014, ai sensi di quanto stabilito dall’art. 75, par. 3.
La legge riguarda tutte le forme di violenza: domestica, fisica, psicologica, stalking. In Italia, al 2021, si contano 1522 episodi.
Le donne, come narrano le impietose statistiche, vengono uccise da uomini sconosciuti, mariti, fidanzati respinti, amori eterni, padri, compagni fidati …
Proprio quelli che dovrebbero far parte della cerchia della loro intimità e sicurezza.
Sono quei casi che la cronaca archivia in maniera frettolosa come delitti passionali, in preda a raptus di follia…
E così le donne vengono ammazzate una seconda volta, perché non si conosce l’entità e la vastità del fenomeno, ma che però riguarda milioni di donne in tutto il mondo.
Morti annunciate, che vengono etichettate come liti di famiglia, o delitti passionali, di gelosie malate, che fanno ormai ascolti record in tv.
Il termine coniato è femminicidio, questa nuova categoria criminologica, ma i delitti vanno distinti per quello che sono: violenza estrema da parte dell’uomo contro la donna, in quanto donna.
Le vittime sono di ogni età, paese e religione.
La verità è che viviamo ancora in un contesto patriarcale, dove la violenza non viene sempre percepita come un crimine, per questo le risposte dello Stato non sono appropriate e sufficienti.
I centri antiviolenza, le reti di ascolto e di assistenza sono ancora pochi, e ricevono finanziamenti a goccia dallo Stato, per questo il fenomeno è ancora più chiuso che aperto…
Non esiste, purtroppo, un’educazione sentimentale nelle scuole, in grado di formare gli adolescenti al rispetto del genere altrui.
I genitori sono lasciati in balia di tradizioni che accettano ancora la figura del padre-padrone, frutto della mentalità ancora talmente preclusa…
Bisogna mettere insieme gli esempi buoni, quelli virtuosi, che pure esistono in quantità, e creare una fitta rete che permetta alle donne e alle loro famiglie di combattere questa violenza.
Si può fare. In altri Paesi è stato fatto, e i risultati si vedono!
In questo cammino speriamo, anzi siamo sicure, io stessa lo sono, che gli uomini saranno con noi, perché solo insieme potremo sanare questa ferita…

 Anna Maria Notaris

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here