L’estate che imparammo a volare: storia di una grande amicizia

141843

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Cinque film in streaming sulla Pasqua

La storia di una grande amicizia

Questo è il fulcro della serie Netflix di successo che racconta di Tully e Kate.

Amiche fin dall’adolescenza, le due lo saranno per gran parte della loro vita, costellata da vicende sentimentali e familiari turbolente.

L’estate in cui imparammo a volare (Firefly Lane) è una serie televisiva statunitense distribuita su Netflix dal 2021. Protagoniste sono Sarah Chalke e Katherine Heigl. 

La serie tv è tratta dal romanzo omonimo di Kristin HannahLe ragazze di Firefly Lane.

Trama

La vicenda oscilla in un arco temporale che va dagli anni 70 fino agli anni 2000, passando per i colorati ed eccentrici anni 80. Kate è una ragazzina introversa, goffa e impacciata e priva del carisma che caratterizza invece Tully. Tully non ha mai conosciuto suo padre ed è cresciuta con una madre irresponsabile e noncurante,  annebbiata dalle droghe leggere. Kate cresce invece  in un clima tranquillo con due genitori affettuosi nei suoi confronti e il fratello Sean, che nasconde un lato segreto.

Le due cominciano a frequentarsi e in breve tempo diventano inseparabili, complice il fatto di frequentare la stessa scuola. Tully diventa una presenza fissa in casa Mularkey, tanto da stringere amicizia anche con Sean e da diventare come una terza figlia per Margie, madre di Kate.

La loro amicizia resiste al trascorrere del tempo

Un rapporto simbiotico si stabilisce tra Kate e Tully, che non smettono mai di sostenersi a vicenda.  Kate è l’unica costante di Tully e viceversa. Tra loro una grande  lealtà che si dimostrano continuamente l’un l’altra. Tully Hart è, nel presente in cui vengono rappresentati i fatti, – in questo caso il 2003 – una giornalista di successo che presiede un talk show in TV: The Girlfriend Hour.      Kate invece ha rinunciato al lavoro e si dedica alla famiglia.
La personalità di Tully è quella di una donna che non si lascia intimorire da niente e nessuno. Determinata sul lavoro e avventurosa in ambito romantico, Tully rappresenta un esempio di tenacia ed é  energica e determinata a tutti i costi a diventare “la nuova Jean Enersen”.

Non si lascia scoraggiare dalle avversità che le si presentano davanti. Almeno all’apparenza. 

Ma Tully non è arrivata al suo posto senza difficoltà. Ha  conosciuto povertà , solitudine, violenza e  abbandono. Dei traumi le cui ferite sono ancora grandi e profonde.

La personalità  di Tully monopolizza l’intera trama e spicca anche grazie al contrasto con Kate.

Al contrario di Tully, Kate non è risoluta e non ha vere e proprie ambizioni. Se le ha, è disposta a rinunciarci facilmente. Ha un carattere timido  e insicuro con potenzialità che a Tully mancano, prima tra tutti un grande altruismo che la porta ad essere una brava madre per sua figlia Marah.

Tully, invece, non vuole legami forti o figli. E’ un animale solitario e l’unico legame forte che ha è proprio con  Kate e la figlia. E’ anzi terrorizzata dall’eventualità di una relazione seria; la priorità numero uno per lei è solo la carriera.

Firefly Lane è una serie scorrevole  da seguire ma la buona base di partenza non è  sfruttata al massimo del suo potenziale.

Kate e Tully rappresentano un binomio spesso ricorrente in ambito cinematografico e letterario: quello dell’accoppiata “introverso – estroverso”, che può produrre un effetto di stanchezza a lungo andare generando antipatie nei confronti dei personaggi stessi. I dialoghi inoltre sono spesso artificiosi e innaturali e privi di realismo  soprattutto quando è in scena Nuvola, fastidioso personaggio della madre di Tully.

I dettagli sembrano trascurati e trattati spesso con superficialità, soprattutto nella parte dell’adolescenza.
Discorso simile per l’arco evolutivo di Kate, in alcuni tratti confusionario e troppo  adombrato da un’attenzione maggiore dell’intera serie al personaggio di Tully. Il suo rapporto con Johhny ha troppe zone d’ombra non chiarite.

Il pregio di Firefly Lane è comunque quello di non avere due protagoniste stereotipate: nonostante la tematica trattata non sia affatto originale, Tully e Kate sono profondamente umane e riescono a non cadere nella banalità o stereotipizzazione.

La prima stagione si è conclusa con un finale del tutto aperto e resta da chiedersi ora se e quando Netflix confermerà una seconda stagione.

Ma, visto il successo della prima, siamo certi che le riprese inizieranno presto e scopriremo così cosa è accaduto alla grande amicizia tra Kate e Tully.

Sarà davvero a prova  di tutto?

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here