Design Italian Shoes: calzature artigianali personalizzabili, eccellenza “Made in Italy”Chi sono Andrea e Francesco Carpineti? Chi è Michele Luconi? L’intervista di Maria Luana Ferraro per la Rubrica Brand Journalism di ScrepMagazine.

Andrea Carpineti (con formazione di management), Francesco Carpineti con solida esperienza nel settore calzaturiero) e Michele Luconi (con forte esperienza in campo tecnologico) sono i fondatori della DIS.

DIS nasce nel 2015, dalla loro intuizione di preservare la tradizione del Made in Italy attraverso l’innovazione tecnologica, valorizzando le realtà artigianali del territorio marchigiano. La vision di DIS è quella di rompere gli schemi del mercato calzaturiero, innovando il settore retail e ripensando il processo di produzione di scarpe artigianali attraverso un’esperienza di acquisto incentrata sulla personalizzazione. Il cliente diventa così il vero protagonista del processo di produzione-consumo attraverso l’esperienza di personalizzazione offerta dal configuratore 3D, accessibile dal sito www.designitalianshoes.com e da numerosi punti vendita in tutto il mondo. In pochi click il cliente può scegliere la propria scarpa tra diversi modelli e personalizzarla in ogni minimo dettaglio, sperimentando oltre 50 milioni di combinazioni differenti. La scarpa viene poi realizzata interamente a mano da maestri artigiani nelle Marche in soli 10 giorni lavorativi.

Cosa distingue una calzatura artigianale DIS dalle altre?

Ogni scarpa DIS è unica perché realizzata dal tocco unico dell’artigiano, ma anche perché è il cliente che la sceglie e la personalizza seguendo il suo tocco personale e distintivo. Inoltre è anche sostenibile, in quanto si azzerano gli sprechi di materiale e di invenduto, preservando il mestiere dell’artigiano e supportando la forza lavoro locale.

“Be Different, Be Yourself” è inciso sulle suole calzature DIS.

Questa la vostra Filosofia. Perché?

BE DIFFERENT, BE YOURSELF” esprime la filosofia DIS che mette al centro l’unicità come ricerca e valorizzazione di un’individualità esclusiva e irripetibile. Chi sceglie DIS lo fa infatti per distinguersi ed essere riconosciuto, mostrando al mondo la propria creatività ed il proprio stile.

Può spiegarci cos’è il servizio “3D Shopping Experience”?

Il servizio di 3D Shopping Experience evolve l’esperienza tradizionale di acquisto in negozio: con pochi click sul configuratore 3D di DIS, appositamente sviluppato e strutturato per essere collocato all’interno del punto vendita in forma di touch screen, i clienti personalizzano la scarpa, scelta di persona tra i modelli esposti, godendo di un’esperienza unica, mentre il negozio si libera degli stock in magazzino. Ad ogni calzatura è anche possibile aggiungere un’ incisione personalizzata e abbinarla ad una cintura dello stesso pellame e colore. Tutte le calzature personalizzate possono essere realizzate dalla taglia 36 alla taglia 52, offrendo quindi la possibilità di servire clienti fuori misura.

Oggi DIS è diventata una realtà di respiro internazionale, presente in numerosi punti vendita, boutique sartoriali e department stores in Europa, Stati Uniti e Asia. 

Al MICAM 89 DIS ha anche presentato il nuovo servizio in private label: un’opportunità di up-selling per grandi marchi di abbigliamento su misura che oggi possono finalmente  estendere la propria offerta sartoriale alle calzature.

DIS è una eccellenza del made in Italy.

Il marhio è presente nelle più esclusive boutique sartoriali mondiali.

Eppure è un marchio giovane, nato nel 2015.

Qual’è stata la strategia adottata per essere un Brand di eccellenza?

DIS ha permesso a boutique e department stores di creare un’esperienza sartoriale innovativa e coinvolgente sulle calzatura, con prodotti su ordinazione, spediti in soli 10 giorni. Questo permette di avere una leva di marketing per aumentare il traffico nel punto vendita, servire clienti fuori-misura, non perdere mai più una vendita, e azzerare lo stock ed il rischio di invenduto.

La vostra azienda non utilizza una suola normale, bensì la suola “Vibram”.

Qual è la differenza?

DIS utilizza suole in pelle e anche suole in gomma. Scegliendo solo il meglio per i nostri clienti, ci affidiamo a Vibram, azienda leader nel settore delle suole in gomma in quanto ci garantisce il massimo confort e grip in ogni tipo di situazione.

L’innovazione nei materiali, la ricerca di soluzioni tecniche di avanguardia nella realizzazione di suole sempre più leggere e performanti di Vibram si fondono con la tradizione manifatturiera ed il saper fare di DIS che si tramanda da generazioni nella realizzazione di calzature contemporanee dal fascino senza tempo. 

Il territorio marchigiano in cui operate, è denominato “Shoes Valley”.

Si tratta del distretto calzaturiero più famoso al Mondo.

Cosa lo ha reso così famoso?

Tutte le scarpe in pelle DIS sono fatte in Italia ed esattamente nella Marche, regione che vanta un gran numero di calzaturifici storici, custodi di un saper fare che viene tramandato da generazione in generazione, da più di 100 anni. Questa rete di calzaturifici dà vita alla cosiddetta “Shoe Valley”, oggi il distretto calzaturiero più famoso al Mondo per la realizzazione di scarpe Made in Italy. Il distretto nasce addirittura nel XV secolo, si è evoluto intorno al 1870 con l’inclusione del lavoro femminile, è cresciuto nel 1945 con l’abbandono del lavoro nei campi ed ha avuto un boom nel 1960 per l’introduzione di alcuni macchinari che facilitavano il lavoro manuale.

Diverse aziende marchigiane di successo hanno deciso di esternalizzare alcune fasi della produzione affidandole ad imprese più piccole, locali e specializzate in una singola fase produttiva (taglio, orlatura, montaggio, ecc). Questa è la ragione che ha dato vita al distretto calzaturiero marchigiano, che oggi vanta migliaia di piccole e medie imprese.

Scorrendo sul vostro sito www.designitalianshoes.com si afferma che:

per realizzare una calzatura artigianale fatta a mano e davverio di qualità,

sono necessari 220 passaggi manuali. Può riassumere brevemente?

I 220 passaggi necessari per la realizzazione di una scarpa fatta a mano impiegano almeno due settimane lavorative e possono essere sintetizzati in 12 fasi principali:

  1. Scelta della forma di legno che emula la forma del piede; 
  2. Disegno del modello (francesina, derby, mocassino o stivaletto) sulla forma;
  3. Scelta dei pellami;
  4. Taglio a mano del pellame;
  5. Orlatura e scarnitura: tutti i componenti della tomaia vengono cuciti e uniti fra loro insieme alla fodera, assicurandosi uniformità di spessore e regolarità;
  6. Costruzione della suola in cuoio;
  7. Montaggio della la tomaia orlata sulla forma del numero di scarpe da realizzare;
  8. Cucitura per unire suola, fodera, tomaia e sottopiede;
  9. Tamponatura: è la colorazione a mano delle calzatura;
  10. Finissaggio: la calzatura viene, lucidata, allacciata e spazzolata.
  11. Incisione personalizzata;
  12. Controllo qualità e packing.

Perché la scelta di utilizzare la tecnica “Blake Rapid”

anziché la più utilizzata nel settore “Goodyear” per le cuciture?

In DIS l’artigiano realizza un’unica cucitura per unire suola, fodera, tomaia e sottopiede tramite un’apposita macchina da cucire detta Blake. Inventata nel 1856 da Lyman Reed Blake, questo tipo di cucitura oggi è molto popolare in quanto garantisce maggiore flessibilità, comfort e leggerezza rispetto alla lavorazione Goodyear che rappresenta di più il mondo anglosassone, mentre la costruzione blake è più diffusa in Italia ed Europa.. È sempre possibile riconoscere le calzature lavorate con questa tecnica in quanto all’interno delle stesse è visibile la cucitura che attraversa il sottopiede. Inoltre, le scarpe artigianali con cucitura Blake possono essere risuolate.

Altra caratteristica dalle calzature DIS, oltre la completa personalizzazione

offerta, è la possibilità dell’incisione dalle iniziali o di una frase scelta dal Cliente.

Qual’è stata la frase più originale che i vostri artigiani hanno dovuto incidere?

Le scarpe sono uno dei capi di abbigliamento che indossiamo per più tempo al giorno, e per questo uno dei più intimi e personali,  dalle scarpe che indossiamo si può capire molto di noi stessi, dove stiamo andando, da dove veniamo, che lavoro facciamo, il nostro carattere. Oltre il 50% dei clienti che acquista le nostre calzature le incide con le proprie iniziali, a molti piace ricordare una data speciale o una persona speciale, l’incisione che sicuramente ci ha colpito di più è stata: “Un grande viaggio inizia con un singolo passo” perchè ci ha fatto guardare indietro a quando DIS non era ancora nata e ci ha fatto capire che anche noi nel nostro piccolo giorno dopo giorno abbiamo fatto tanta strada, ed ancora tanta ne abbiamo da percorrere.

DIS di FuturFashion Srl, ha Sede Legale a Recanati e Sedi Operative a Civitanova Marche e Milano oltre a distributori e punti vendita in tutto il Mondo.

Articolo precedentePremio Letterario Nazionale “Ligea”
Articolo successivoChi è Manuela Parisi?
Maria Luana Ferraro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui