Una fotomodella con un viso che non si dimentica facilmente, una trentina di shooting che mostrano come lei sia naturale nel posare e che questa è la via da seguire.

Lei è Manuela Parisi.

Ciao Manuela presentati per chi non ti conoscesse. Dove sei nata, dove vivi, che fai nella vita.

Sono nata e vivo a Milano, faccio la fotomodella freelance professionale visto che ormai sono a 32 shooting con professionisti e non.

Da quanto tempo fai la modella?

Da 2 anni.

In alcune interviste ho letto che non poseresti nuda, come mai?

Guarda avevo detto che non avrei fatto intimo ma ci ho ripensato e ho voluto provare e ne farò altri ma il nudo penso proprio di no perché non è davvero il mio genere non mi sentirei a mio agio a farmi vedere nuda, ma poi ho sempre pensato che non sia indispensabile spogliarsi per mostrare la bellezza anzi…

Si può avere successo senza doversi mostrare senza veli?

Certo, anzi secondo me una donna può essere sensuale e femminile anche vestita o con poco addosso e magari anche di più mostrando sguardi e pose molto provocanti e non volgari come invece è secondo me il nudo soprattutto ai tempi nostri.

Cosa pensi dell’uso dell’immagine del corpo femminile ovunque, anche quando non c’è bisogno?

Come dicevo prima appunto oggi si vede troppo spesso la donna nuda sui social e web, ma se vediamo in giro cataloghi, sponsor e altro non vediamo foto di corpi nudi e quindi penso che molti fotografi magari lo fanno esclusivamente per loro scopo.

Hai mai subito molestie in ambito professionale?

Fortunatamente no,anche perché vado sempre accompagnata agli shooting come dovrebbe fare ogni modella.

In un uomo tu cerchi la bellezza o la profondità?
Mah 50 e 50…direi.

Il rapporto con gli altri è mutato dopo che hai intrapreso la professione di modella?

No assolutamente anche perché ancora non è proprio una professione ma se lo diventerà
vedremo. Ovviamente ho conosciuto tante altre persone comuni ma anche più importanti nel campo dello spettacolo.

Sei mai stata vittima di stolking? Hai avvertito mai cattiveria e invidia nei tuoi confronti?

Stalking per adesso no e spero non succeda mai, invidia beh forse un po’ si da parte di qualcuno ma niente di esagerato.

Da bambina come vedevi e immaginavi il tuo futuro?

Da piccola il mio sogno è sempre stato fare la pediatra o puericultrice dato che mi sono sempre piaciuti i bimbi molto piccoli e sposarmi a 25 anni e avere un bimbo a 26, ma poi tutto cambia…

Hai realizzato tutti i tuoi sogni o ce n’è ancora qualcuno da realizzare?

Questo di fare la fotomodella era un sogno che avevo fin da ragazzina quando ai tempi di 19 anni ho fatto il mio primo book, quindi in parte uno lo sto realizzando ma ovvio si spera sempre di più ma se non sarà così potrò dire di essere riuscita a fare foto stupende da tenere nei miei ricordi.

La tua famiglia è contenta della tua scelta?

È sempre stato un mio sogno quindi diciamo che sono contenti.

E l’amore che posto occupa nella tua vita?
Per adesso quello che conta è solo l’amore della mia famiglia, il resto niente sono single e sto benissimo cosi!

Come ti immagini fra 30 anni? Ti piacerebbe che non ci fossero limiti d’età per questo lavoro?

Fra 30 anni non saprei proprio mi piace vivere alla giornata quindi chi vivrà vedrà…
Certo che mi piacerebbe ma logicamente c’è differenza tra vedere una bella modella giovane e una più vecchia magari con rughe e altro, adesso vedo però anche donne più in là con l’età che vengono fotografate e magari ancora molto belle e in forma.

Cosa consiglieresti alle ragazze che vorrebbero intraprendere la tua professione?

Non è un mondo facile, c’è molta concorrenza davvero tanta rispetto ad anni fa, e poi bisogna stare molto ma molto attente purtroppo al giorno d oggi ci vuole niente per convincerle a spogliarsi.

Cosa pensi dell’anoressia della quale vittime molte ragazze del mondo del moda?

Sono davvero contro, non è giusto mettere una taglia 38 come modello e ti parlo da modella un po’ “curvy“…

Che rapporto hai con il cibo?

Come ho appena detto sono un po’ curvy quindi mi piace mangiare ovvio sempre nei limiti.

Descriviti con 3 aggettivi…

Solare, dolce, sensibile.

Qual è l’ultimo libro che hai letto?

Non mi è mai piaciuto molto leggere…

Quale canzone ti rappresenta?

Beh dato il mio “visino da bambolina” direi… “la Bambola” di Patty Pravo

Le tue origini sono sicule e vivi a Milano, sei rimasta legata alla tua terra, oltre al mare cosa ti manca?
Sono nata a Milano ma i miei genitori sono siciliani e quindi il mio sangue è siculo e sono molto orgogliosa di questo, la Sicilia è una terra stupenda a cominciare ovviamente dal mare e le persone molto calorose e disponibili.

Siamo giunte alla fine di questa piacevole chiacchierata ma vorrei salutarti chiedendoti cosa vuoi fare da grande e come conti di raggiungere i tuoi obiettivi?

Sicuramente spero di posare per qualche brand più importante e apparire in cataloghi e cartelloni magari come testimonial per loro, ma ti dirò che un altro mio pensiero che ultimamente mi sta passando per la testa è quello del mondo del doppiaggio, chi lo sa?

Spero che tu raggiunga i tuoi obiettivi al più presto così potremo vederti ovunque.

Buona fortuna Manuela.

Angela Amendola

Le foto sono state realizzate da Alpha Mirror Photography e concesse a titolo gratuito direttamente da Manuela Parisi per la loro pubblicazione in questa sua intervista. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui