La sirena bicaudata

155700

Avete mai sentito parlare della sirena a due code?

La sirena bicaudata ha una storia millenaria; le sue prime apparizioni risalgono all’era degli Etruschi, i quali la rappresentavano sui monumenti come simbolo di fertilità e del potere femminile, o all’ingresso delle tombe, con la funzione di accompagnare i defunti nell’Aldilà.

Vi è appunto un collegamento tra mare e aldilà.

Per gli antichi non vi era alcuna differenza tra i pesci e i rettili, facevano tutti parte della stessa famiglia e questo pensiero era per chiunque così.

Una leggenda asiatica narra che la carpa Koi risale la corrente e alla fine si trasforma in un drago, simbolo di rigenerazione, legato alla Terra, alla Dea Madre che prima è stata generata dalle acque.

La natura della sirena bicaudata deriva dai due elementi Acqua e Terra.

Il significato della sirena che tutti conosciamo, ad una sola coda, è già simbolo di fertilità e fecondità, la sirena a due code lo è il doppio.

La posizione delle due code non è casuale, sono divaricate, per ricordare le gambe femminili nell’atteggiamento di colei che mostra la parte più sacra e nascosta, definita la “porta della vita”.

È un gesto contro la malasorte, aiuta ad allontanare il male, è protezione per la famiglia, le città e rende sacro il posto in cui è presente.

Nel periodo medioevale, questa postura venne definita volgare, che andava contro lo spirito e attirava l’uomo verso il male. La donna veniva considerata il Diavolo, e l’uomo ne era ammaliato. L’unico motivo che permettesse all’uomo di avvicinarsi alla donna era solo per comandarla, procreare, usarla come serva per le faccende domestiche.

Molte furono le storie che la resero protagonista, come Melusina, la donna-serpente, dotata di poteri magici che distruggevano l’uomo e il suo animo puro.

Nonostante non fosse mai stata vista di buon occhio, non ha mai perso il suo fascino. Nel Nord Europa è presente nelle chiese, nelle cripte e su vari monumenti.

Sicuramente tutti, almeno una volta nella vita, hanno bevuto il caffè di Starbucks. E non avete mai notato il suo logo?

Starbucks è un’azienda che da molti anni sta spopolando, ma che è presente dal 1971.

Il primo locale venne aperto a Seattle e venne chiamato così in onore dell’omonimo ufficiale che è presente nel romanzo Moby Dick.

Per il suo logo fu scelta la sirena bicaudata, simbolo del mare, per rappresentare il lungo viaggio che il caffè doveva compiere per arrivare in America.

Tanto fascino e mistero, cosa ne pensate? Ah… la sirena bicaudata è anche il simbolo del nostro Concorso “LIGEA”…clicca qui sotto per saperne di più:

Giulia Trio

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here