Penne zucchine e gamberetti

La cucina italiana è una cucina saporita e varia da Regione in Regione.
Ci sono dei piatti regionali, che nel tempo sono diventati un “classico“.

Sono nate delle ricette che vengono utilizzate in tutto il territorio nazionale .

La ricetta di oggi?
Penne zucchine e gamberetti, un primo piatto saporito e gustoso che sposa il mare all’orto, di facile e veloce preparazione.

Dosi per 4 persone:

500gr. di penne rigate o bavette, se preferite la pasta lunga;
500gr. di code di gambero con la coccia;
300gr. di zucchine;
1/2 bicchiere di vino bianco secco;
2/3 spicchi di aglio;
4/5 cucchiai di olio;
pepe nero (facoltativo).

Preparazione:

Dopo aver lavato le code di gambero, metterle a cuocere,con la buccia, in una padella antiaderente con uno spicchio di aglio sbucciato e schiacciato e 3 cucchiai di olio, per circa tre minuti coperti a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto.

Appena cotti, aspettare che siano tiepide per sgusciale, facendo cadere il “tipico sughetto arancione che fuoriesce“, nella padella di cottura.

Lavare e tagliare a dadini piccoli le zucchine, quindi aggiungere nella padella con il sughetto, un altro spicchio di aglio sbucciato e schiacciato e un cucchiaio di olio.

Scaldare per pochi secondi a fuoco basso e aggiungere le zucchine,cuocendo per 2 minuti a fuoco medio.
Alzate poi la fiamma e cuocere con il coperchio per un altro minuto poi alzate la fiamma a fuoco vivo e aggiungere il vino.
Quando il vino sarà evaporato, continuare per un altro minuto la cottura con coperchio.

Spegnere il fuoco e schiacciare una parte delle zucchine con una forchetta, per ottenere una salsa cremosa.

Aggiungere le code di gambero e completare la cottura per circa 4 minuti a fuoco basso, mescolando delicatamente per non sfaldare i gamberi.

Condite con il sale e con pepe nere se piace.

Dopo aver cotto la pasta,appena scolata, fatela saltare nella padella con le zucchine e i gamberi, aggiungendo 3/4 cucchiai di olio a fuoco alto.

Servire caldo e buon pranzo da… Antonella Ariosto.

(Fra una poesia e l’altra…)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui